Omicidio sottomura: faida tra bande

Tarek Hamad

Tarek Hamad

Eccolo il volto del 26enne tunisino ucciso a colpi di spada, domenica 29 aprile, poco prima delle 21, nel sottomura di via Baluardi, un luogo che in città e famoso anche per lo spaccio di droga.

Tarek Hamad era arrivato in Italia l’anno scorso in uno dei tanti sbarchi di Lampedusa ma anche se gli inquirenti non si sbilanciano e non confermano potrebbe essere la prima vittima di una lotta fra bande del maghreb, tunisini e marocchini, per la conquista del mercato della droga.

L’omicidio efferato e il tentato omicidio, in ospedale al Sant’Anna c’è ancora un 15enne marocchino, trovato privo di sensi in viale Volano dalla polizia per alcune ferite da arma da taglio sull’addome, arrivano dopo una rissa violentissima scoppiata in via Caldirolo sempre fra marocchini e tunisini. Non poco lontano dalla città, a Santa Maria Maddalena ieri sera, poco dopo le 21, in un bar della frazione di Occhiobello si è sfiorata la rissa sempre fra tunisini e marocchini e per futili motivi. Un 22enne del Marocco si è visto accerchiare da un gruppo di tunisini e il giovane nella corsa per sfuggire al gruppo è caduto a terra ferendosi.

Una faida per il mercato della droga? E’ ancora troppo presto per dirlo. Gli inquirenti intanto indagano in modo serrato e con la stampa tengono le bocche cucite. Queste sono ore cruciali per individuare l’eventuale omicida. Sempre in queste ore infatti molti dei componenti della comunità marocchina e tunisina vengono ascoltati dagli investigatori, sotto il coordinamento del sostituto procuratore Ciro Alberto Savino.

I residenti intanto chiedono sicurezza. Nonostante il questore Mauriello abbia assicurato nuovi controlli, ora agli appelli di quelli della zona di via Baluardi si aggiungono quelli della zona stazione, in primis quelli del presidente del comitato cittadino “Via Cesare Battisti”, Graziano Cardi che sottolinea come il problema delle lotte fra bande per la spartizione del mercato della droga è un problema noto da tempo vicino al Grattacielo e che deve essere affrontato con urgenza in sinergia con l’amministrazione comunale.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120502_06.flv[/flv]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
147 queries in 1,598 seconds.