Accoltellato dalla figlia durante una lite, anziano in prognosi riservata – VIDEO

Sono ancora sconosciuti i motivi che hanno portato Anna Frighi ad accoltellare il padre Gianfranco, un uomo di 80 anni con difficoltà motorie aggredito con un coltello da cucina all’ora di cena, ieri sera nella sua casa di via della Siepe al civico 24.

L’uomo dopo la ferita profonda subita ieri sera è stato operato nella notte all’ospedale di Cona ed ora si trova in chirurgia d’urgenza ma non è in pericolo di vita.

La figlia invece, 43 anni, con problemi psichici è agli arresti nel reparto di diagnosi e cura e sempre del Sant’Anna. In ospedale è finita anche la moglie di Gianfranco e madre di Anna, ricoverata in medicina d’urgenza per lo choc.

Gli inquirenti nel frattempo stanno cercando di capire cosa sia successo in quella casa. Sono da poco passate le 20 e in una stanza di un appartamento di una palazzina di via della Siepe si sta per consumare una tragedia. Anna Frighi infatti prende un coltello da cucina e aggredisce il padre con un fendente, all’addome per motivi ancora sconosciuti.

La madre è in un’altra stanza della casa ma sente dei rumori strani che la insospettiscono e per questo va a vedere cosa succede e scopre l’incredibile. Interviene e allontana la figlia dal marito, probabilmente salvandogli la vita. Subito dopo parte una chiamata al 118. Pare sia stata la stessa Anna a chiedere l’aiuto dei sanitari che giungono immediatamente sul posto. Con loro arriva anche una volante della polizia. L’uomo quando viene soccorso dagli operatori dell’emergenza è ancora cosciente e in ambulanza racconta cosa è successo. Giunto in ospedale tuttavia verrà operato d’urgenza e ora la prognosi è riservata ma non è mai stato in pericolo di vita.

Questa mattina intanto i residenti di via della Siepe erano ancora increduli per quanto avvenuto. Nessuno ha sentito nulla e nessuno si è allarmato. Molti di loro lo hanno appreso ascoltando la televisione. A coordinare le indagini è il sostituto procuratore Stefano Longhi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
141 queries in 1,112 seconds.