Ferrara capitale della birra britannica: torna “Acido Acida”

Nato come evento dedicato alle produzioni “estreme” della Gran Bretagna, dall’edizione 2019 si pone per la prima volta come vetrina a tutto tondo per l’arte brassicola del Regno Unito.

Numerosi gli ospiti, i laboratori e naturalmente le birre, tra cui alcune “chicche” presentate per l’occasione.

Ormai è uno degli appuntamen ssi della primavera ferrarese: parliamo di Acido Acida, il festval dedicato alle produzioni birrarie della Gran Bretagna giunto alla sua sesta edizione. Un proge o nato per dare spazio alle sole produzioni “estreme” – perlopiù acide, come il nome stesso lascia intendere – del Regno Unito, e che dal 2019 fa invece un passo in più: come spiega l’ideatore e organizzatore, Davide Franchini del pub Il Molo, «abbiamo terminato il traghe amento a Bri sh Beer Fes val a tu o tondo, che abbiamo diviso per sezioni. Da una parte, tre macro spazi dedica alle nazioni: Inghilterra, Scozia e Irlanda; dall’altra, tre tema che: “Cask Yard”, “Partzan Mixology” e “Tales from the Wood”».

Dieci i birri ci britannici i cui birrai saranno presen per l’occasione: Cro Ales di Bristol, Old Dairy Brewing di Tenterden, Brew York di York, Wild Weather Ales di Reading, Electric Bear Brewing di Bath, The Ilkley Brewery di Ilkley, Braybrook Beer Co. Di Market Harborough, e i londinesi Brewhedz, Anspach &Hobday e ORA Brewing. A ques si aggiungeranno mol altri birri ci – presen tramite le proprie produzioni – e il Beershop 2 Gobbi, ospite tradizionale al fes val, che insieme ai birri ci BioNoc’ e An ca Contea – anch’essi fedeli ospi italiani nel panorama di produzioni britanniche – darà spazio a produzioni internazionali.

acido acidaNon mancheranno naturalmente i laboratori (posti limitati, iscrizioni a [email protected]). Il primo, in programma per giovedì 25 aprile alle 17, prende il nome dalla sezione “Tales from the wood”: so o la guida di Nicola Coppe e Simone Nicole o, i partecipan andranno a degustare una selezione di rarità maturate in bo e, alcune delle quali presentate per l’occasione. Sabato 27 aprile alle 17 invece ci sarà l’opportunità di incontrare cinque birrai italiani che lavorano in qua ro birri ci inglesi – Vincenzo Conte di Brewhedz, Mario Canestrelli di Braybrooke Beer Co., Emanuele Mazza e Stefano Bisogno di Cro Ales, e Daniele Costa Zaccarelli di ORA Brewing – e degustare alcune loro produzioni. A guidare il laboratorio, dal tolo “La contaminazione italiana nel mondo cra inglese”, saranno Chiara Andreola e Piero Garoia.

Da notare, infine, che il festival quest’anno torna nel centralissimo chiostro di Santa Maria della Consolazione: un luogo dalla «collocazione strategica e dall’o ma fruibilità degli spazi – osserva Franchini – e un’o ma vetrina mondiale per i birri ci della Gran Bretagna».

Acido Acida sarà in via Mortara 98 a Ferrara, dal 25 al 28 aprile (ore 12 – 02 da giovedì a sabato, e 12 – 00 la domenica); per informazioni è possibile visitare la pagina Facebook o scrivere a [email protected]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
133 queries in 1,142 seconds.