Inquinamento aria e micropolveri, sforamenti ma non ci sono emergenze

domenica senz autoLa concentrazione di micropolveri nell’aria di Ferrara ha superato i limiti di legge fissati dall’Unione Europea nella giornata dell’Epifania.

Nella giornata del 6 gennaio la concentrazione di micropolveri misurata dalle centraline ARPAE di Barco, Cassana e Crso Isonzo è risultata superiore a 80 microgrammi per metro cubo d’aria; il livello di guardia è fissato in 50 microgrammi per metro cubo d’aria.

Nonostante gli sforamenti del 6 gennaio, tuttavia, non sono previste misure antismog di emergenza oltre quelle già previste nel piano “Salviamo l’aria”: è questa la decisione presa proprio oggi dalla Regione Emilia Romagna sia sulla base delle rilevazioni degli ultimi giorni, sia sulla base dlele previsioni della qualità dell’aria effettuate da ARPAE – Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente. Le misure di emergenza vengono assunte nel caso che i valori di concentrazione dlele PM10 vengano sforati per quattro giorni consecutivi, e questa condizioni non si è verificata. Martedì la qualità dell’aria è prevista in peggioramento, per tornare a migliorare in tutta l’Emilia Romagna nella giornata di mercoledì: la prossima verifica verrà effettuata giovedì prossimo.

I provvedimenti in difesa della qualità dell’aria, per quanto riguarda Ferrara, sono contenuti in un’ordinanza del sindaco redatta sulla base sia del Nuovo Accordo di programma per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano sia del Piano Aria Integrato della Regione Emilia Romagna.

Domenica prossima è prevista una nuova domenica ecologica: le domeniche ecologiche normalmente sono fissate la prima settimana di ogni mese; in gennaio, tuttavia, siccome la data sarebbe coincisa con il 7 gennaio, giornata conclusiva delle festività natalizie e uno dei primi giorni dei saldi, la domenica ecologica è stata spostata in avanti di una settimana. I veicoli interessati dai divieti di circolazione sono in particolare quelli a benzina pre euro e euro 1, i diesel pre euro, euro 1, euro 2 ed euro 3 (nelle giornate emergenziali anche euro 4) e i ciclomotori pre euro.

.

Tags: ,

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
138 queries in 1,204 seconds.