Atassia: lotta alle malattie cerebrali

E’ una malattia senza ritorno, che colpisce le persone rendendole completamente immobili per via di un difetto che si crea nel sistema cerebrale.

Si chiama atassia e a Ferrara la ricerca su questa tipo di patologia genetica va avanti da tempo. L’atassia è una malattia genetica ma può colpire chiunque. Secondo le ricerche più recenti inoltre anche l’uso di sostanze stupefacenti può creare una predisposizione all’atassia.

Una patologia rara e poco conosciuta ma che c’è e soprattutto nella Pianura padana meridionale dove l’incidenza della malattia è superiore al resto del paese.

L’atassia è dunque al centro di un incontro di divulgazione che si terrà mercoledì, alle 19,30, al Fienile di Baura.

La serata è organizzata dai volontari della sezione ferrarese di Aisa, l’associazione italiana per la lotta alle sindromi atassiche, che vengono ricordate nella giornata che a livello mondiale è dedicata proprio all’atassia: il 19 settembre.

La serata è stata presentata questa mattina dai rappresentanti di Aisa, il vicepresidente Silvio Sivieri e Maria Cristina Facchini.

All’incontro infatti parleranno medici ricercatori che si occupano da anni di atassia e che sono dell’ateneo ferrarese. Un gruppo di ricerca guidato dalla responsabile del reparto di neuroscienze del Sant’Anna, Maria Rosaria Tola.

A Ferrara si studia come poter fermare la malattia. Si è scoperto infatti che attraverso i virus, o meglio i vettori virali che si introducono all’interno delle cellule senza essere distrutti, si possono far arrivare nuove molecole che potrebbero permettere la riduzione della malattia con conseguente regressione.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=57e20c74-b64f-4134-ac82-521eed99d904&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Tags:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
138 queries in 1,172 seconds.