Azzerati Carife, Mef apre al risarcimento – VIDEO Sindaco Bondeno spiega cosa chiederà a Nicastro

01 azzerati carife roma

C’è uno spiraglio per gli azzerati di Carife.

Una parziale apertura da parte del ministero dell’economia e finanza che prevede che gli azzerati delle quattro banche dal decreto del novembre scorso possano di fatto agire per un risarcimento attraverso un arbitrato che prevede che se non c’è stata una corretta informazione nella collocazione dei titoli, questi potranno essere risarciti.

Lo spiraglio lo ha fornito questa mattina il sottosegretario all’economia, Enrico Zanetti che ha ricevuto una delegazione delle persone che rappresentavano i risparmiatori delle quattro banche, fra le quali anche Carife. Con i rappresentanti di Federconsumatori e Adusbef, le associazioni che hanno orgniazzato il sit-in, oltre ai rappresentanti dei risparmiatori c’era anche un rappresentante dei risparmiatori ferraresi, il portavoce dell’associazione azzerati di Carife, Mirko Tarroni.

Al sit-in romano c’era anche il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini, il firmatario della lettera che ha chiesto a tutti i sindaci della provincia di incontrare il presidente delle nuove quattro banche, Roberto Nicastro.

Bergamini in questa intervista spiega che cosa chiederanno a Nicastro.

Il dettaglio dei criteri per effettuare l’arbitrato saranno resi noti solo alla fine di marzo, ha spiegato il sottosegretario ma gli azzerati di Carife si aspettano anche delle nuove aperture dal ministero. Carife infatti, rispetto alle altre banche, era un istituto che prima del decreto Salva banche arrivava da due anni di commissariamento e per questo gli azzerati vogliono essere risarciti in toto. Il ministero inoltre ha dimostrato una parziale apertura anche sul risarcimento delle plusvalenze.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
131 queries in 1,147 seconds.