Studentessa vittima di stalking: “Vive in un perenne stato d’ansia”

Aveva persino cambiato il numero di cellulare e i genitori dovevano accompagnarla a scuola perché la loro figlia, vittima di stalking, viveva in uno stato d’ansia continuo.

La colpa sarebbe stato causato dai comportamenti e dagli atti persecutori da parte di un 22enne italiano di origine marocchina di Massa Fiscaglia che da ieri mattina non potrà avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla studentessa.

I carabinieri infatti gli hanno notificato il divieto e il ragazzo, negli ultimi tempi, avrebbe molestato e offeso la ragazza anche sui social network fino a minacciarla di morte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,187 seconds.