CCSVI, senatore Marino: “Doveroso sperimentare”

Il 15 ottobre si è tenuto presso l’università La Sapienza di Roma il convegno intitolato ‘Sclerosi multipla: quali terapie?’, alla presenza del Rettore Luigi Frati, cui hanno partecipato il professor Paolo Zamboni, Direttore del Centro Malattie Vascolari Università di Ferrara, il professor Francesco Fedele, direttore della I Scuola di Specializzazione in Cardiologia Università La Sapienza di Roma, il prof Carlo Pozzilli, Direttore Centro Sclerosi Multipla S.Andrea Università La Sapienza di Roma, il prof. Marco Salvetti, del Centro Sclerosi Multipla S. Andrea Università La Sapienza di Roma, e membro dello Steering Committee dello studio Cosmo di Aism/Fism.

Al convegno era presente, la Presidente Nazionale Gisella Pandolfo, il Presidente della sezione laziale Andrea Rossi Espagnet assieme a diversi altri soci.

Il senatore Ignazio Marino, presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulla efficacia ed efficienza del SSN, non potendo presenziare, ha mandato un messaggio di saluto in cui ha voluto sottolineare l’importanza della sperimentazione Brave Dreams.

“E’ a mio parere giusto e doveroso che questa sperimentazione sia stata avviata per diversi motivi: per prima cosa per produrre risposte chiare alla comunità di malati che attende da tempo dei riscontri chiari e scientificamente ineccepibili sul possibile valore di una terapia.

Infine, sarebbe stato paradossale se il nostro paese non avesse preso parte ad una ricerca scientifica nata da un’intuizione tutta italiana, considerando che la correlazione tra le due patologie ha già richiamato da diverso tempo l’attenzione della comunità scientifica internazionale.”

Il testo integrale della lettera

(Comunicato a cura dell’Associazione CCSVI nella Sclerosi Multipla Onlus)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
136 queries in 1,268 seconds.