CENTRO NUOTO COPPARO: atleti al lavoro in casa

Per restare in forma e combattere il virus

Anche il nuoto paga il suo prezzo per la chiusura delle piscine, la sospensione delle competizioni e l’impossibilità di allenarsi in acqua ed al pari degli altri sport cerca di limitare al massimo i danni nella preparazione sportiva, è certo che per atleti che hanno come elemento principale dell’allenamento l’acqua non poter nuotare provocherà una certa involuzione, forse più importante che per altri sport, ed in una disciplina dove tecnica e sensibilità sono una parte fondamentale del gesto atletico e del risultato sportivo, non poter nuotare richiederà, quando si ritornerà a poter nuotare fra le corsie, più tempo e più impegno per ritornare “in palla”. Ma di neceesità i nuotatori faranno virtù.
Così anche i nuotatori del Centro Nuoto Copparo si stanno impegnando molto per farsi trovare il più possibile pronti quando “l’acqua” tornerà ad essere il loro “pane” quotidiano.
Seguiti dall’instancabile Martina Bonora gli esordienti vengono guidati in sedute quotidiane di preparazione atletica con tabelle e video esplicativi inviati a domicilio con i mezzi che il web mette a disposizione, mentre la prima squadra è seguite con tabelle di allenamento a secco ben confezionate dal preparatore atletico Yuri Scaramelli.
“Speriamo che questo incubo possa finire almeno entro l’estate”, ha sottolineato Athos Gualandi responsabile tecnico del CNC, “che questa terribile ed invisibile insidia non abbia fatto troppi danni e che chi di dovere faccia tutto quanto è nelle sue possibilità per mettere a disposizione dei gestori degli impianti risorse ed agevolazioni perché questi possano riaprire, solo così potremo ricominciare con l’entusiasmo che ci ha sempre contraddistinto e saremo presenti all’appuntamento più forti di prima”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
139 queries in 1,410 seconds.