Comacchio e jazz: in anteprima nazionale il concerto con quattro pianoforti

Inbox

Sarà un concerto in esclusiva nazionale quello che si terrà sabato 19 aprile alle 21 presso la sala Polivalente di Palazzo Bellini di Comacchio.

Quattro dei più importanti pianisti italiani, conosciuti e stimati in tutto il mondo, si confronteranno in un raffinato dialogo jazzistico, dando vita a un evento unico e irripetibile. Si tratta di un concerto per 4 pianoforti, esibizione assolutamente originale in tutto il panorama del jazz nazionale, in cui si incontreranno Paolo Alderighi, Andrea Pozza, Dado Moroni e Rossano Sportiello. Musicisti dotati di stili personalissimi, ma estremamente compatibili, capaci di raggiungere un totale interplay, grazie a una consolidata reciproca conoscenza e frequentazione musicale. In attesa della stagione di settembre, che vedrà Comacchio ospitare spettacoli di indiscussa qualità, questo settimo appuntamento di “Tutte le Direzioni in Springtime”, l’edizione primaverile della ricca rassegna musicale organizzata dal Gruppo dei 10, rappresenterà un momento di rara bellezza e seduzione, pensato appositamente per la cittadina lagunare. Sicuramente chi avrà la fortuna di assistere a questo concerto conserverà nel proprio ricordo una delle emozioni più forti che, oggi, un evento musicale possa regalare.

Paolo Alderighi, classe 1980, è nato a Milano ma col suo pianoforte dal 1996 ha girato Italia, Giappone, Australia, Germania, Svizzera, Francia, Irlanda, Ungheria, Lussemburgo, Olanda, Belgio, Spagna, Svezia, Inghilterra, Malta, Marocco, collaborando con musicisti noti nell’ambiente jazzistico come Dan Barrett, Gianni Basso, Dan Block, LillianBoutté, Gianni Cazzola, Franco Cerri, Evan Christopher, Bruno De Filippi, Tullio De Piscopo, Isla Eckinger, Giovanni Falzone, Alfredo Ferrario, JimGalloway, Sandro Gibellini, Tiziana Ghiglioni, DuskoGoykovich, Marty Grosz, Scott Hamilton, EijiHanaoka, Duke Heitger, Dick Hyman, Luciano Invernizzi, Duffy Jackson, Tom Kirkpatrick, Luciano Milanese, Gabriele Mirabassi.

Una carriera internazionale anche per Dado Moroni che, nato nel 1962 a Genova, si è esibito in Europa dagli anni ’80 trasferendosi negli Stati Uniti nel 1991. Durante gli anni di permanenza nella Grande mela entra a far parte della scena jazzistica di New York suonando nei club più prestigiosi tra quali il Blue Note, il Birdland e il VillageVanguard. Nel corso della sua lunga e prestigiosa carriera ha assunto ruoli sia di leader che di musicista di diverse band ma sarebbe troppo lunga la lista dei grandi nomi con cui ha collaborato, basti pensare che ad oggi ha suonato in oltre 50 album. Una fama che l’ha preceduto ed una espressione artistica che l’ha portato ad essere molto amato anche nella città estense: recentemente si è esibito sia al Jazz Club Ferrara con l’ormai consolidata formazione che comprende Joe Locke, che alla Scuola di Musica Moderna, per il nostro gruppo, con Adam Nussbaum.

Anche Andrea Pozza ha un curriculum davvero intenso. Dal suo debutto in uno storico jazz club di Genova a soli 13 anni, la sua carriera che oggi è più che trentennale, lo ha portato ad esibirsi in Italia e all’estero con veri e propri “mostri sacri” del calibro di Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, Scott Hamilton, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Massimo Urbani, Luciano Milanese e molti altri ancora, senza contare le collaborazioni stabili con Gianni Basso, Fabrizio Bosso e Tullio De Piscopo. La sua attività concertistica è davvero intensa e lo porta in lungo e in largo in Italia e in tutta Europa alla guida delle formazioni a suo nome e da solista, anche se spicca anche come membro di diverse formazioni, tra cui citiamo il Quintetto di Enrico Rava, il Quintetto di Steve Grossman e il Rosario Bonaccorso Quartet.

Ultimo, non in ordine di importanza ma alfabetico, è Rossano Sportiello. Giovanissimo esordisce come pianista jazz entrando a far parte della gloriosa Milano Jazz Gang, una delle storiche jazz band europee. Un inizio brillante che l’ha portato a costruirsi una carriera altrettanto brillante, collaborando con numerosi artisti nazionali ed internazionali tra cui citiamo, anche se l’elenco sarebbe infinito, Paolo Tomelleri, Carlo e Stefano Bagnoli , Gianni Basso, Dan Barrett, Barry Harris, Dick Hyman, Scott Hamilton, BuckyPizzarelli, Howard Alden, George Masso, Butch Miles, Jake Hanna, Eddie Locke, Bob Wilber, Houston Person, Kenny Davern, RandyReinhart, Ed Metz Jr. Se Sportiello è ormai considerato uno dei più acclamati pianisti a livello mondiale, è anche ricordato come leader e arrangiatore dei Blue Napoli, gruppo ideato proprio qui a Ferrara e che coniuga la melodia napoletana con l’eleganza del linguaggio jazzistico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
138 queries in 1,578 seconds.