Comacchio ufficializza la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2018

13 progetto comacchio okLa città di Comacchio ha formalizzato la propria Candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2018. Il Dossier, realizzato secondo le norme previste dal bando di candidatura, è, infatti, stato trasmesso nella giornata di oggi al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

L’iniziativa del Comune di Comacchio ha raccolto larghissime adesioni fra gli Enti Istituzionali e le rappresentanze della società, ricevendo il sostegno della Regione Emilia Romagna, insieme a quello della Provincia di Ferrara, dei Comuni di Ravenna e Ferrara e dei Comuni di tutta l’area deltizia e oltre.

Un sostegno corale, espresso, tra l’altro, anche dalle componenti che operano in tutto l’ambito territoriale e che ha visto la collaborazione dell’Arcidiocesi Ferrara – Comacchio, della Fondazione Ravenna Antica, del Museo Archeologico di Ferrara, del Parco del Delta del Po dell’Emilia Romagna, della rete regionale delle Pro Loco e di tutti i soggetti sottoscrittori di Progetto Comacchio 2015/2020.

“Ritengo che la nostra Città sia matura per affrontare una sfida di questo livello, ha sottolineato il Sindaco Marco Fabbri. Certo, come di consueto, si candideranno altre realtà consolidate e strutturate, ma rispetto alle quali Comacchio e il suo straordinario territorio non hanno nulla da invidiare.

“Inoltre, l’esperienza, avviata con l’idea di candidare la Città attraverso un processo partecipativo, è già di per sè un valore. Comacchio e il suo Delta costituiscono una realtà unica in Italia e la cultura dell’acqua che noi rappresentiamo è un connubio che unisce arte, natura, archeologia, barche e laboriosità umana. Per noi, questa è la cultura”, conclude il primo cittadino di Comacchio.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,888 seconds.