Confcommercio, Sangalli nel ferrarese

La Confcommercio nazionale è a fianco delle persone e delle aziende colpite dalla sequela di terremoti che si stanno accanendo sull’Emilia Romagna: a partire dalla tarda mattinata del 31 maggiola visita a Ferrara dei vertici nazionali guidati dal presidente nazionale Confcommercio Carlo Sangalli per far sentire concretamente la solidarietà dell’Associazione e chiedere un’azione di risposta forte al Governo nazionale. Una delegazione che radunava tutte le più alte cariche dell’Associazione a testimonianza di quanto sia centrale sostenere gli imprenditori di queste terre – che vedeva la presenza anche dei vicepresidenti nazionali Renato Borghi e Ugo Margini  oltre che del direttore Francesco Rivolta – con la visita in prima mattinata a Modena e Bologna. Poi intorno alle 13 l’arrivo a Cento e l’incontro con  un folto gruppo di commercianti provati ma indomiti “Dovete leggere la nostra presenza qui a Cento ai più alti vertici – ha commentato Sangalli – come la volontà concreta di essere al vostro fianco in modo continuo e significativo in questa emergenza creata da sisma. In questo momento per chi vuole ripartire non devono esistere vincoli di ragione burocratica. E’ nel dna di questo territorio la voglia di fare e di rimboccarsi le maniche Le aziende devono ripartire perchè sono il motore di queste terre” assicurando un impegno fattivo che farà arrivare subito un primissimo intervento di 400mila €uro per accompagnare la prima fase della ricostruzione.

Ad accompagnare  i vertici nazionali il direttore regionale di Apt Servizi Andrea Babbi, il direttore provinciale Davide Urban e il presidente dell’Ascom centese Marco Amelio. Un’occasione per Ascom Ferrara per riassumere il senso di un impegno a fianco dei commercianti in questi giorni durissimi: ” E’ fondamentale -rammenta Mauro Spinelli commissario confederale di Ascom Confcommercio Ferrara – che l’ Associazione sia presente in modo concreto a fianco delle imprese. I nostri soci devono avere la certezza che Ascom Confcommercio sia presente ed in qualsiasi momento”. “Ci siamo mossi su più livelli – ricorda il direttore provinciale Davide Urban – dai tavoli regionali a quelli con le banche del territorio per assicurare un adeguato trattamento a favore dei nostri associati ed abbiamo varato iniziative concrete di solidarietà, assistenza e consulenza alle nostre imprese toccate da crisi e dall’impatto devastante di questa onda di terremoti”.  Poi i vertici di Confcommercio si sono spostati a Sant’Agostino dove si è tenuto l’incontro con il primo cittadino Fabrizio Toselli. Alle 14,00, di ritorno a Ferrara in Camera di Commercio dove Sangalli ha incontrato il presidente dell’Ente camerale Carlo Alberto Roncarati, il segretario generale Mauro Giannattasio,  l’Assessore provinciale al Turismo Davide Bellotti,  il vicesindaco Massimo Maisto. e l’assessore alle attività produttive Deanna Marescotti. “Ringrazio Roncarati – ha concluso Sangalli – e la Camera di Commercio di Ferrara per la concretezza e la tempestività degli interventi”. Dal tavolo istituzionale una proposta lanciata da Ascom Ferrara per realizzare una borsa interprovinciale della solidarietà che metta in contatto la domanda ed offerta tra imprenditori per poter ridare fiato al sistema commercio colpito dal terremoto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
138 queries in 1,190 seconds.