Consiglio dei ministri: ecco chi sono – VIDEO

Nuovi ministri Governo Gentiloni

ANSA/ETTORE FERRARI

Diciannove ministri di cui sette sono delle donne.

Il nuovo consiglio dei ministri del presidente Paolo Gentiloni è dunque formato e in queste ore attende il voto delle due Camere.

Ma chi sono i ministri?

Una riconferma arriva per il ferrarese, Dario Franceschini che mantiene le deleghe alla cultura e al turismo. Anna Finocchiaro, senatrice del Pd. Ha la delega ai rapporti con il Parlamento, che prima era di Maria Elena Boschi che invece ottiene la carica di sottosegretario alla presidenza del consiglio.

Nei primi anni Ottanta la Finocchiaro, magistrato, entra nelle file del Partito Comunista ed oggi ricopre la nuova delega. Marianna Madia, 36 anni, romana, è invece una conferma. Arriva ad essere ministro per la Pubblica Amministrazione e semplificazione con Renzi. Con Gentiloni è stata riconfermata. Anche lei è in quota Pd.

Agli Affari Regionali va invece Enrico Costa, 47 anni, figlio dell’ex politico liberale, Raffaele Costa. Nasce in Forza Italia ma poi segue Alfano nell’Ncd. L’economista, è stato professore a “La Sapienza” di Roma, Claudio De Vincenti, Pd, passa dalla carica di sottosegretario a quella di ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno. Una delega quest’ultima che Gentiloni ha fortemente voluto dopo l’analisi al voto del Referendum. Il ‘no’ al Sud è stato altissimo.

Luca Lotti, un delfino dell’ex ministro Renzi. A lui va lo Sport, un ministero che ha la sede a Palazzo Chigi. Al 34enne fiorentino, laureato in scienze delle amministrazioni va anche la delega dell’editoria e del Cipe. Uno dei dicasteri più importanti passa invece ad Angelino Alfano, 47 anni, che lascia gli Interni per gli Affari Esteri. Alfano nasce politicamente nelle fila di Forza Italia ma poi si smarca e fonda il Nuovo Centro Destra. Gli Interni passano invece ad un politico di lungo corso nel del Pd: Marco Minniti, 60 anni, calabrese, che con il governo d’Alema si è occupato anche di Servizi Segreti.

Andrea Orlando invece, spezzino, 47 anni, è riconfermato alla Giustizia. Una riconferma è anche Pier Carlo Padoan, 66 anni, che rimane a capo dell’importante ministero dell’economia e della finanza. Carlo Calenda, invece, rimane allo Sviluppo Economico. Una carica che Calenda assunse dopo le dimissioni della ministra Guidi. Un’altra conferma è anche il ministro per le Politiche Agricole, Maurizio Martina, 38 anni bergamasco. Anche il bolognese Gianluca Galletti viene riconfermato con la delega all’ambiente. Stessa cosa per il ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin e per Graziano Del Rio, l’ex sindaco di Reggio Emilia che rimane ai Trasporti e alle infrastrutture. Con il nuovo governo dovrà affrontare la fusione di Fs con Anas e anche la questione dei conti di Alitalia.

Rimane anche Giuliano Poletti, con la delega al lavoro mentre all’istruzione arriva una ex sindacalista della Cgil, e oggi senatrice del Pd, Valeria Fedele, 67 anni, bergamasca. Una riconferma è anche Roberta Pinotti, in quota Pd, che mantiene la delega alla Difesa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,204 seconds.