Dal S.Anna a Cona

Il trasferimento dei primi pazienti dal Sant’Anna è iniziato questa mattina poco dopo le 8.

Alle 7 di mattina l’ospedale è abitualmente già attivo, ma oggi si capisce subito che  si tratta di una giornata speciale, alle normali attività di visite , pulizie, passaggio dei carrelli e del personale lungo l’anello, si sovrappongono infatti i preparativi per l’imminente trasferimento dei primi pazienti che dal sant’anna di corso giovecca andranno da oggi al nuovo sant’anna di Cona,  una partenza che è stata preceduta dalla distribuzione ai pazienti delle terapie e dalla colazione. A presidiare le operazioni accanto al direttore generale dell’azienda, sono i medici e il personale dei tre reparti interessati,  medicina universitaria,  clinica medica e  medicina ospedaliera, mentre il trasporto dei pazienti, che inizia alle 8.25,  avviene subito dopo l’arrivo delle otto ambulanze della croce rossa, su cui prestano servizio autisti e  volontari della stessa croce rossa. A presidiare le operazioni di trasferimento è il 118, che ha predisposto un servizio aggiuntivo rispetto a quelli standard dell’emergenza.

Del tutto scorrevole l’itinerario che porta i pazienti a Cona, lungo via Pomposa, che di mattina in direzione mare è davvero  poco trafficata. Cona oggi ha cominciato  a vivere molto presto e in un   clima positivo e di orgoglio per i professionisti, che non nascondono l’emozione del primo giorno, mentre i famigliari dei primi pazienti non nascondono le perplessità. Per chi viene da Ferrara, ci dicono due di loro, resta la preoccupazione della distanza, anche se il nuovo ospedale fosse un’opera d’arte, aggiungono, la distanza resta il loro vero problema.

[flv image=”http://www.telestense.it/wp-content/uploads/2012/05/03cona-pronto.jpg”]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120508_02.flv[/flv]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,189 seconds.