Due boati dal cielo: caccia in azione, preoccupazione ai lidi

EFA 4 STORMODue forti boati sono stati avvertiti, questa mattina poco prima delle 9, da chi era a Comacchio, nei suoi lidi ma anche sul litorale emiliano romagnolo, ma anche a Ravenna, Forlì e Cesena.

La mente di tanti è andata subito al terremoto ma in realtà si è trattato di uno “scramble” reale, un termine militare utilizzato dall’Aeronautica militare che definisce l’atto di far decollare un caccia intercettore per raggiungere e identificare un aereo sconosciuto. Decollati dalla base di Grosseto, in Toscana, per ordine del Combined Air Operation Centre spagnolo di Torrejon vicino a Madrid, i boati sono stati uditi quando i velivoli hanno superato il muro del suono. A quanto si è appreso finora, i due jet dell’Aeronautica hanno accelerato per intercettare un velivolo non identificato che si stava avvicinando al territorio italiano.

Paura per chi era ai lidi di Comacchio, preoccupazione che è dilagata sui social network e in particolare su Facebook: “muri e vetri hanno tremato” si legge nei post, e c’è chi, inizialmente, ha pensato a una scossa sismica. Un episodio simile si verificò il 28 gennaio 2015, quando lo “scramble”, il quale provocò due forti boati che si udirono molto bene in città, a Ferrara, ma anche nell’immediata provincia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
139 queries in 1,508 seconds.