Elezioni: M5S primo partito in Emilia-Romagna, il Pd perde l’11%

Il Movimento Cinque stelle è il primo partito in Emilia Romagna: è questo il responso che ci consegnano le elezioni politiche che si sono svolte il 4 marzo.

Complessivamente, il partito di Beppe Grillo e Luigi di Maio ottiene 695.535 voti il 27,53% superando il PD, che di voti se ne aggiudica 665mila ottenendo così’ il 26,33%. Una differenza a vantaggio dei Cinque Stelle di 30mila voti circa.

M5S e PD a confronto nel 2018

Mentre cinque anni fa….

Sui pensi che nel 2013 il Movimento cinque stelle ottenne, a livello e regionale, un numero di voti simile a quello attuale, 658mila voti, ottenendo una percentuale del 24,3%; il PD invece ricevette quasi un milione di voti, 989mila 660: oltre trecentomila voti più di oggi, decisamente altri tempi.

La lega Nord, in queste elezioni, ha ottenuto a livello regionale 486.190 voti, il 19,24%, battendo l’alleato Forza Italia che neha ottenuto 251mila, il 9,95%. Il Movimento Cinque stelle i propri piazzamenti più ragguardevoli li ottiene in Romagna, dove ottiene una percentuale complessiva pari al 29,69%, inseguito dal PD che si ferma al 25,69%, ottenendo poco più di 168mila voti. Terzo partito la Lega con 120mila voti e 18,58%, poi arriva, distanziata, Forza Italia, con il 9,95%. La provincia più grillina della Romagna è Rimini, con il 32,47% (PD al 22,13%); la meno grillina è Forlì, con il Movimento Cinque Stelle al 27,15%.

A Modena e Bologna, tutto sommato il PD regge l’urto del Movimento Cinque stelle: a Modena il Movimento cinque stelle si ferma a 26,77%, contro un risultato del PD pari al 31,67%. La Lega segue, poco sopra il 14%. A Bologna, collegio plurinominale numero 3, che comprende anche Imola, vediamo al 28,33% e il Movimento cinque stelle l’inseguimento, con due punti percentuali in meno. La lega resta al terzo posto, con percentuali tra il 14 e il 15%.

Nelle altre Province della via Emilia, riunite nel collegio plurinominale Emilia Romagna 04, il PD torna a soffrire, e ottiene solo il 24,11 delle preferenze degli elettori, tallonato letteralmente dalla lega, che ottiene il 21,5%. Il Movimento Cinque stelle è in testa, con il 26,81% dlele preferenze. Il risultato più triste- ad essere euefemistici – per il PD è quello di Piacenza, dove il partito ottiene uno striminzito 17,65%, battuto di dieci punti dalla Lega che ottiene il 27,48%.

  • Lunedì 5 marzo ore 11

Per la prima volta, da quando esiste, il Partito Democratico non è il primo partito in Emilia-Romagna. Mancano ancora alcuni seggi da scrutinare e sia pure per pochi voti, si profila uno sorpasso storico da parte del M5S.

Il Pd in Emilia-Romagna infatti ha avuto una flessione di circa 11 punti rispetto alle politiche del 2013, attestandosi attorno al 26%. Un risultato pesante se si considera che, a livello nazionale, la flessione è stata di circa la metà. Il confronto è ancora più impietoso se si prendono altre tornate elettorali dove il Pd aveva raggiunto risultati migliori, come le regionali del 2014 (-18%) o le Europee del 2014 (-26%, esattamente la metà).

Storico sorpasso della coalizione di centrodestra di tre punti percentuali, mai avvenuto nemmeno nelle precedenti vittorie del centro destra

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
143 queries in 1,317 seconds.