Erosione costa, le preoccupazioni degli operatori

lidi-ombrelloni-chiusi-maltempo-ppIl pericolo erosione e quali provvedimenti adottare, per evitare il rischio, al quale vanno incontro le coste di Comacchio e dei suoi sette lidi.

Di questo si è parlato, al lido delle Nazioni, per iniziativa dell’Ascom Confcommercio Ferrara, del Sindacato Italiano Balneari, con il supporto della Confcommercio della regione Emilia Romagna, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale al turismo, Andrea Corsini. “Come Ascom – ha commentato Davide Urban, direttore generale di Ascom Ferrara – siamo certi che un’azione condotta in modo coordinato da più assessorati regionali, possa essere assolutamente positiva, per dare risposte concrete agli operatori economici e per una forte valorizzazione della costa e del sistema turistico. D’altra parte – ha detto ancora Urban, rivolgendosi direttamente all’assessore Corsini – il problema dell’erosione non presenta solo aspetti ambientali, ma penalizza complessivamente l’economia turistica della costa e dell’intera provincia”.

Concetto, quest’ultimo, ripreso dal presidente del Sib provinciale, Giuseppe Carli che ha sottolineato la necessità di interventi duraturi, per salvaguardare tutte le attività economiche connesse all’industria della vacanza, per lo più a gestione familiare e che oggi vedono messi pericolosamente in discussione dall’erosione delle coste e dalle mareggiate, anni di sacrifici e investimenti. Rassicurazioni sono comunque arrivate dall’assessore regionale Corsini.

“La Regione – ha sottolineato – ha investito circa 20 milioni di euro, nel cosidetto Progettone che riguarda la difesa ambientale, ai quali vanno ad aggiungersi ulteriori interventi di ripascimento attualmente in corso”. Corsini ha poi concluso, con la promessa di un incontro tecnico, a breve, con l’autorità di bacino, per approfondire la situazione e trovare una soluzione tecnica che alzi ragionevolmente le difese per questo territorio, in modo efficace e duraturo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,347 seconds.