Violenza a Ferrara: lunedì di inseguimenti, risse e feriti. Interviene Salvini

Tre gravi episodi di violenza, ieri a Ferrara, simili tra loro e in orari diversi, che destano preoccupazione in città.

Un bilancio di tre feriti ma che poteva essere ben più grave: gruppi di uomini armati che inseguono i fuggitivi in strada e nei locali pubblici pieni di gente.

gad aggressione

Foto di Nicola Lodi

E’ stato un lunedì difficile per Ferrara sul fronte sicurezza, dove la Polizia di Stato è intervenuta in tre episodi che destano preoccupazione.

Su quanto avvenuto ieri a Ferrara è intervenuto anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con un post su Facebook.

“Secondo la sinistra siamo troppo duri” scrive Salvini, secondo cui le leggi attuali non sarebbero abbastanza rigide ma, continua dal Viminale, con il Decreto Sicurezza cercheremo di rimediare.

Il ministro si riferisce al decreto legge sulla sicurezza annunciato recentemente che entro la fine dell’estate dovrebbe essere presentato.

Il primo, poco dopo le 17.30 in via Olimpia Morata a Ferrara, una trasversale tra via Oroboni e via Porta Catena. In pieno giorno, un giovane straniero di 26 anni sarebbe stato inseguito in bicicletta da uomini di origine straniera. Una volta fermato, il 26enne sarebbe stato pestato con bastoni e armi da taglio e avrebbe riportato una gravissima ferita alla testa. Il pestaggio violento sarebbe stato bloccato da un passante di origine straniera, ferito anche lui ma in maniera lieve durante la colluttazione.

Gli aggressori si sarebbero dileguati con l’arrivo delle Volanti della Polizia di Stato e il 26enne è stato portato all’ospedale Sant’Anna. Le foto le ha scattate il segretario comunale della Lega di Ferrara, Nicola Lodi, intervenuto sui social network documentando l’accaduto, su cui poi ha espresso forte preoccupazione riguardo alla situazione sicurezza in città.

Il secondo episodio, in ordine cronologico, lunedì sera: alle ore 22 in corso Giovecca un uomo sarebbe stato aggredito probabilmente da un gruppo di persone, ma la dinamica e soprattutto le motivazioni sono ancora tutte da chiarire. Sta di fatto che un cittadino straniero, ferito da un’arma da taglio alla schiena, è stato trasportato all’ospedale di Cona.

polizia via bologna

Foto da Facebook

Pochi minuti dopo, verso le 22.30 in via Bologna, il terzo episodio di violenza in un giorno. Un cittadino extracomunitario si sarebbe rifugiato nel Caffè Vienna inseguito da una decina di uomini di origine straniera, armati di coltelli, machete e bastoni. La stampa locale riporta la testimonianza dei presenti al bar che avrebbero intravisto anche un uomo con una pistola. Attoniti i baristi e i clienti, che hanno vissuto momenti di paura ma l’arrivo della Polizia di Stato avrebbe fatto desistere gli inseguitori, che hanno comunque seguito l’uomo fin dentro il locale, per poi dileguarsi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.

Tre episodi di violenza e inseguimenti in un giorno, i quali si aggiungono a quelli, con dinamiche simili, registrati dalle forze dell’ordine anche pochi giorni fa e in giugno sempre a Ferrara.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,369 seconds.