Picchia la moglie, i carabinieri lo arrestano

violenza donne carabinieri donnaPicchia moglie e viene arrestato.

E’ successo ieri a Longastrino.

Violenze scaturite dall’ennesimo diverbio nella coppia, e soprattutto dalla denuncia da parte della donna ai carabinieri dei maltrattamenti precedenti. La moglie, con diverse contusioni, ha dovuto fare ricorso alle cure mediche.

La denuncia al mattino, nel pomeriggio l’uomo l’avrebbe picchiata.

Poi sono intervenuti i carabinieri

Questo sarebbe successo venerdì a Longastrino, frazione di Argenta.

L’uomo, di 40 anni, dopo essere stato arrestato dai carabinieri di Longastrino, si trova in camera di sicurezza in attesa del giudizio con rito direttissimo. Un fenomeno, quello della violenza sulle donne, sul quale i carabinieri non intendono abbassare la guardia.

Da tempo sono in atto campagne di sensibilizzazione da parte delle forze dell’ordine, che spingerebbero le vittime a superare la paura di denunciare. Perché la violenza sulle donne non è solo fisica.

Come ricordano i militari, la violenza potrebbe essere anche psicologica, con critiche, insulti e umiliazioni, ma anche economica, come ricatti e il divieto di lavoro.

Inoltre, le forze dell’ordine sono impegnate anche a tentare di arginare altre fenomeni collegati alla violenza sulle donne, come la violenza assistita, cioè ogni qualvolta figli conviventi assistono a scene di violenza.

Oppure quella digitale, con la divulgazione non autorizzata di contenuti con la vittima protagonista.

Ruolo chiave in queste vicende potrebbe essere quello del vicino di casa o di un parente, chiamati a tentare di riconoscere gli effetti delle violenze sulle vittime.

“Non esitate a chiamarci” dicono i carabinieri, i quali ricordano che da tempo è stata allestita, ed è già operativa, una “stanza di ascolto dedicata” nella casrema provinciale dei carabinieri di Ferrara dove un Maresciallo, formato apposta, è a disposizione non solo per la ricezione di denunce, ma anche per consigli utili sugli aspetti legali, tecnici e procedurali.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
133 queries in 1,157 seconds.