Giornate Fai: alla scoperta di Palazzo Ducale e chiesa S.Giorgio. Nuovo futuro per monumento abbandonato – INTERVISTA e VIDEO

giornate_fai_di_primavera_450x450Ci sarà anche l’ufficio del Sindaco tra gli ambienti del Palazzo Ducale di Ferrara che il 19 e 20 marzo prossimi si potranno visitare accompagnati da giovani ciceroni, studenti del liceo Roiti e dell’istituto Aleotti, che ne illustreranno la storia e gli elementi di pregio.

Il Palazzo oggi sede del Municipio è stato infatti scelto quest’anno, assieme alla Basilica di San Giorgio, come protagonista delle tradizionali Giornate Fai di Primavera a Ferrara, organizzate per il prossimo week end con la collaborazione dell’Amministrazione comunale. I dettagli dell’iniziativa sono stati illustrati stamani in conferenza stampa dai rappresentanti dei soggetti promotori: l’assessore comunale Aldo Modonesi, il presidente della Delegazione Fai (Fondo Ambiente italiano) di Ferrara Piero Sinz, il dirigente scolastico dell’istituto G.B.Aleotti Fabio Muzi, con la docente Paola Di Stasio, il docente del liceo scientifico A. Roiti Giorgio Rizzoni e il responsabile dell’Ufficio Ricerche storiche del Comune Francesco Scafuri.

“Alla Delegazione Fai di Ferrara – ha dichiarato l’assessore Modonesi – va il ringraziamento dell’Amministrazione comunale per l’importante lavoro di valorizzazione del nostro patrimonio che da sempre svolge a beneficio dei cittadini, con le aperture straordinarie di luoghi storici e monumentali cui non sempre si rivolge la giusta attenzione. E un ulteriore ringraziamento va anche agli istituti scolastici cittadini che, con grande impegno, si sono resi disponibili per divulgarne la conoscenza. Le visite – ha precisato Piero Sinz – saranno a offerta libera e saranno come sempre finalizzate alla raccolta di fondi per il restauro dei beni Fai che poi vengono aperti al pubblico”.

A guidare le visite all’interno del Palazzo Ducale, sabato 19 e domenica 20 marzo dalle 10 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,30, saranno gli studenti della classe VD del liceo A. Roiti di Ferrara, che accompagneranno il pubblico attraverso una serie di ambienti, alcuni dei quali solitamente non aperti al pubblico: la Sala delle Lapidi, il Salone d’Onore, la Sala degli Arazzi, la Segreteria del Sindaco, l’Ufficio del Sindaco, la Sala di Giunta e Sala dell’Albo Pretorio. I visitatori, scaglionati in gruppi dai volontari del Fai, potranno accedere al palazzo Ducale dallo Scalone Municipale e uscire, attraverso la via Coperta, nel cortile del Castello Estense.

“Sarà una visita un po’ diversa dal solito – ha preannunciato Francesco Scafuri – perché i ragazzi, oltre a descrivere le opere d’arte e gli arredi di pregio del palazzo, illustreranno al pubblico tante curiosità sulla storia dell’edificio e su alcuni personaggi che l’hanno abitato nel tempo, riportando notizie che si basano sulle ricerche degli ultimi anni e che sono state fornite dall’Ufficio ricerche storiche del Comune”.

Saranno invece gli studenti delle classi IV e V A e B dell’istituto Aleotti ad accompagnare i visitatori alla scoperta del complesso della Basilica di San Giorgio fuori le Mura (piazzale S. Giorgio 29) per ammirare, oltre alle opere d’arte conservate tra le navate della Basilica stessa, anche gli ambienti del chiostro e della sacrestia (venerdì 18 marzo dalle 10 alle 12,30, sabato 19 dalle 10 alle 17,30 e domenica 20 dalle 13,30 alle 17,30).

I docenti di entrambi gli istituti coinvolti hanno sottolineato il valore formativo di questa iniziativa per i loro studenti, che non solo hanno avuto l’opportunità di approfondire la storia e le caratteristiche di pregio dei due complessi monumentali studiati, ma avranno anche la possibilità di cimentarsi con l’esposizione in pubblico di quanto appreso.

Monumenti: assessore Modonesi sul futuro della cappella Revedin

LA SCHEDA a cura degli organizzatori:

XXIV Edizione delle”Giornate FAI di Primavera”

Sabato 19 e domenica 20 marzo 2016

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

ferrara scalone palazzo municipaleUn fine settimana diverso dal solito: milioni di italiani che hanno partecipato negli anni scorsi, sanno che possono vedere luoghi spesso inediti e non sempre visibili e spesso sconosciuti: ogni anno si crea un clima di attesa che attira sapendo che le Giornate FAI di Primavera offrono sempre emozioni molto gradite al grande pubblico. Oltre 900 visite straordinarie in 380 località in tutte le regioni d’Italia: è il più importante evento di piazza dedicato ai beni culturali, un grande spettacolo di arte e bellezza dedicato a tutti coloro che hanno a cuore il patrimonio artistico e naturalistico italiano. Il FAI ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze del patrimonio artistico e naturalistico italiano, gestendo e mantenendo vivi, per sempre e per tutti, castelli, palazzi, ville, parchi storici, aree naturali e paesaggi di incontaminata bellezza. La missione del FAI: promuovere in concreto una cultura ed una educazione di rispetto della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni d’Italia e tutelare il patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità.

11 concerto a san giorgioLe Giornate di Primavera sono un momento molto importante perché sono finalizzate alla raccolta fondi per consentire di coprire le infinite spese di restauro dei beni FAI che vengono poi aperti al pubblico provocando conseguentemente un valore aggiunto al nostro turismo culturale con positive ricadute anche sull’economia del nostro Paese. E’ già operativa la possibilità di lanciare un SMS al numero 45599 per un contributo di 2 Euro o chiamando da rete fissa per donare 5 o 10 Euro. La ventiquattresima edizione delle Giornate FAI di Primavera è realizzata con il prezioso contributo di Banca Generali, Ferrarelle SpA, DHL Express, che e in qualità di principali sponsor sostengono il FAI in queste straordinarie aperture. Abbiamo pure il sostegno come Media Partner del Gruppo Editoriale L’Espresso e il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali.

La Delegazione di Ferrara anche quest’anno aprirà due beni:

– Il Palazzo Ducale Estense con le Sale del Duca: su dallo scalone grande di Piazza del Municipio. Sarà possibile visitare le splendide sale riservate al Sindaco e la sua Segreteria, la Sala di Giunta e attraverso la Sala dell’Albo Pretorio percorrendo la Via Coperta  si uscirà nel cortile del Castello Estense. Sarà aperto sabato 19 e domenica 20 marzo dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,30 a tutta la cittadinanza con ingresso a offerta libera e possibilità di iscriversi al  FAI o rinnovare  la  tessera  scaduta,  (quota  singola  ordinaria  annua €  39,00  quota  “giovani”  fino a  25 anni € 20,00, quota coppia € 60,00 e quota famiglia € 66,00). Corsie preferenziali per gli iscritti FAI e nuovi iscritti. Le visite a gruppi saranno guidate da studenti “Apprendisti Ciceroni” del Liceo Scientifico Statale  “A. Roiti” di Ferrara appositamente preparati dal Prof. Giorgio Rizzoni e dalla Prof.ssa Brigida Balboni, con la collaborazione del Dirigente Prof. Donato Selleri.

– Basilica di San Giorgio fuori le Mura: il chiostro, la sacrestia, l’abside e altro (piazzale S. Giorgio 29). Anche per questo bene ingresso a offerta libera fin da venerdì 18 dalle 10 alle 12,30,  sabato 19 dalle 10 alle 17,30 e domenica 20 dalle 13,30 alle 17,30. Anche qui visite guidate da “Apprendisti Ciceroni” studenti dell’Istituto Superiore “Giovan Battista Aleotti” di Ferrara preparati dalle docenti Prof.sse Paola Di Stasio, Adriana Giacci e Federica Pintus, con la collaborazione del Dirigente Prof. Fabio Muzi. Le visite saranno inoltre allietate da musica d’organo, d’arpa e flauto suonata da studenti del Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
142 queries in 1,198 seconds.