Giorno del Ricordo: le celebrazioni alla rotonda “Martiri delle Foibe”

La giornata del 10 febbraio è stata istituita come “Giorno del Ricordo”, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Una tragedia che ha coinvolto anche ferraresi, ricordati durante la Santa Messa in Duomo nella mattinata di domenica da Mons. Gian Carlo Perego. Le celebrazioni sono proseguite nella mattinata di lunedì 11, presso la rotonda tra Corso Isonzo e Corso Piave intitolata ai Martiri delle Foibe, dove è stata deposta una corona d’alloro alla presenza del Prefetto Michele Camparo, del sindaco Tiziano Tagliani e di rappresentanti dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, assieme a tanti comuni cittadini.

Alla cerimonia era presente, tra gli altri, la figlia di Antonio Farinetti, nativo di Migliaro, che fu maresciallo capo della Guardia di Finanza e comandante della Brigata di Parenzo e venne infoibato, insieme ad altri 80 cittadini, nell’ottobre 1943.

Ad Antonio Farinatti è stata dedicata la seconda parte della giornata, in un incontro in Municipio dove è stato presentato il libro che ne racconta la storia, curato dal maggiore Gerardo Severino e dall’appuntato scelto Federico Sancimino, del Comitato di Studi Storici del Museo Nazionale della Guardia di Finanza.

Le celebrazioni del Giorno del Ricordo proseguiranno sabato 16 febbraio alle 16.00 presso Palazzo Bonacossi, dove si terrà il tradizionale concerto del Conservatorio Musicale di Ferrara “Girolamo Frescobaldi”.

One Comment

  1. Non si chiamava FARINETTI ma FARINATTI

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
130 queries in 1,394 seconds.