Governo #Renzi: in attesa del voto in Parlamento

renzi

L’istruzione sarà una delle priorità del nuovo governo Renzi: lo ha detto chiaramente, il neopremier, nel discorso con cui ha chiesto la fiducia del Senato. Nella scuola si conquista la credibilità di un Paese, ha detto, l’istruzione va quindi va rafforzata; ed ha annunciato che ogni settimana visiterà una scuola italiana.

Mercoledì prossimo sarà in un istituto di Treviso. Nel campo della cultura possiamo essere una superpotenza mondiale e possiamo creare nuovi posti di lavoro, ha aggiunto, riprendendo alcune delle dichiarazioni rilasciate in queste ore dal neo ministro della cultura Dario Franceschini.

Intanto, è necessario portare a termine le riforme impostate: abolire il senato così come lo conosciamo oggi, e portare a compimento l’approvazione dell’Italicum, la nuova legge elettorale su cui il parlamento ha già iniziato a discutere.

Renzi ha delineato inoltre tre priorità economiche del proprio governo: sblocco totale dei debiti della pubblica amministrazione è il primo: le imprese italiane attendono che vengano loro corrisposti circa 70 miliardi di euro di forniture e servizi mai pagati; il secondo è la costituzione di un fondo di garanzia rivolto alle piccole e medie imprese che non riescono ad accedere al credito; il terzo è ridurre la tassazione sul lavoro, almeno del 10% . Si tratta di misure chiave, che se portate a termine davvero potrebbero contribuire a rilanciare in modo determinante l’economia italiana.

Sono questi gli obiettivi che si è dato Matteo Renzi, che dovrebbero portare il Paese ad assumere con una veste nuova la guida dell’Unione Europea nel secondo semestre del 2014.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
184 queries in 4,217 seconds.