Gruppo Casolari Costruzioni – Adeguamento impianti elettrici

Gruppo Casolari Costruzioni - Cablaggio scatola di derivazione

Clicca per ingrandire

Impianti elettrici a regola d’arte ma soprattutto a norma di legge, più efficienti e più sicuri, un obbiettivo facile da raggiungere seguendo in fase di realizzazione o ristrutturazione energetica i principi fissati dalla normativa vigente in materia di sicurezza. Vediamo quali requisiti deve avere un impianto elettrico per essere considerato sicuro e quando invece si rende necessario un adeguamento.

Con l’entrata in vigore della legge 46/90 sono state finalmente stabilite norme più rigide in materia di sicurezza ed adeguamento degli impianti elettrici. Questa legge è stata promulgata con l’intento di eliminare la diffusa pratica del “fai da te” perchè stabilisce che per essere ritenuto a norma, un impianto elettrico deve essere progettato, installato o sottoposto ad interventi di manutenzione ed ampliamento, esclusivamente ad opera di professionisti abilitati. La ditta autorizzata, una volta ultimati i lavori di installazione o manutenzione, è tenuta a rilasciare al cliente una “dichiarazione di conformità per l’impianto”.

Gruppo Casolari Costruzioni - Impianto elettrico per civile abitazione in fase di esecuzione

Clicca per ingrandire

Per essere considerato adeguato l’impianto doveva disporre di: interruttori generali, dispositivi di protezione contro le sovracorrenti, dispositivo differenziale coordinato con l’impianto di terra, protezioni contro i contatti diretti. Quindi se mancano questi requisiti è necessario adeguare l’impianto.

La legge 46/90 e le successive modifiche relative alla sicurezza degli impianti, sono state sostituite da un decreto ministeriale del 2008 che ha esteso l’obbligo della messa a norma agli edifici con qualsiasi destinazione d’uso e alle relative pertinenze, ha modificato inoltre la classificazione delle diverse tipologie di impianto, ha introdotto requisiti più selettivi per l’ottenimento della qualifica professionale e ha previsto l’obbligo di depositare la dichiarazione di conformità degli impianti presso lo sportello unico per l’edilizia del comune competente. Il decreto ha infine inasprito le sanzioni previste per il mancato adeguamento degli impianti elettrici alla norma.

Impianto elettrico per civile abitazione in fase di esecuzione

Clicca per ingrandire

Per avere ulteriori ragguagli bisogna dunque rivolgersi ad una ditta specializzata in impiantistica elettrica per l’installazione, l’adeguamento e la manutenzione di impianti elettrici ad uso civile ed industriale, che interviene con professionalità e in grado di fornire ancadeguare in tempi rapidi l’impianto, garantendo così la sicurezza e portyando anche parecchi vantaggi dal punto di vista del risparmio energetico. In questo caso la normativa vigente prevede la possibilità di usufruire di una serie di agevolazioni e detrazioni proprio in caso di interventi di ristrutturazione finalizzati all’ottimizzazione dei consumi energetici.

Per chi ha intenzione di vendere la propria abitazione è fondamentale che l’impianto elettrico sia a norma. In caso di compravendita edilizia il venditore deve fornire garanzie sulla conformità degli impianti alla vigente normativa in materia di sicurezza. Nel caso di impianti elettrici, realizzati prima dell’entrata in vigore del Decreto ministeriale, in sostituzione della dichiarazione di conformità degli impianti elettrici, è necessario presentare una dichiarazione, predisposta da un tecnico abilitato, che attesti la “rispondenza alla regola dell’arte”, dell’impianto elettrico in questione.

Per informazioni:
Uffici: Corso Giovecca, 138 – Ferrara
Ufficio: +39 0532 1771243
Fax: +39 0532 1771244
P.Iva: 01546600386
[email protected]

casolari

 

[flv image=”http://www.telestense.it/img-video/casolari-vid.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/casolari-vid.mp4[/flv]


 
110 queries in 0,664 seconds.