Guardia di Finanza a Ferrara scopre 60 evasori totali. Danni erariali per 6 mln di euro

gdf60 evasori totali a Ferrara e un danno al fisco, in città e provincia, di 6 milioni di euro. E’ quanto ha scoperto l’anno scorso la Guardia di Finanza che ha stilato un bilancio della sua attività.

Lotta alle frodi fiscali e all’economia sommersa, controllare il corretto impiego delle risorse pubbliche e lotta alla criminalità economica. Questi gli obiettivi della Guardia di Finanza di Ferrara che, seguendo questi filoni, ha steso un bilancio dell’attività svolta nel 2015.

Le Fiamme gialle l’anno scorso hanno denunciato 106 persone per reati tributari, la metà circa, 52 individui, per frode fiscale, ovvero emissione di fatture e altri documenti per operazioni inesistenti. Per queste persone, le proposte di sequestro avanzate dalla Guardia di Finanza sono ammontate a circa 50 milioni di euro. Pesante ancora il bilancio dell’economia sommersa a Ferrara in cui sono stati scoperti 60 “evasori totali”, soggetti che, pur avendo svolto attività produttive di reddito, sono risultati completamente sconosciuti al fisco.

In materia di lavoro nero, le Fiamme gialle hanno individuato 19 datori di lavoro che hanno impiegato 126 lavoratori irregolari. La filiera del falso risulta ancora una piaga nell’economia ferrarese: 30 mila infatti gli articoli sequestrati nel 2015. La Guardia di Finanza inoltre, l’anno scorso, ha svolto anche un’importante operazione a tutela del patrimonio artistico e archeologico che ha portato al sequestro di oltre 2 mila frammenti ceramici di età etrusca, romana e rinascimentale, prelevati illegalmente dalla “Necropoli di Spina”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,448 seconds.