Guardia Finanza scopre frode fiscale milionaria a Cento: imprenditori nei guai

Una frode fiscale di oltre 1,5 milioni di euro, con più di un 1 milione che dal ferrarese veniva girato in Cina con un sistema di fatture false.

Per questo motivo sono stati sequestrati beni per 700 mila euro a due coniugi, imprenditori cinesi che operavano nel Centese, nel settore tessile.

E’ il primo risultato di un’indagine diretta dalla Procura di Bologna e condotta dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Cento, che hanno fatto scattare il sequestro dei beni tra cui un immobile ad uso abitativo, un capannone, un’auto, due furgoni e conti correnti.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Bologna su richiesta del pm Claudio Santangelo: i sequestri sono stati eseguiti a Cento, Bologna e San Giovanni in Persiceto. Ai coniugi, accusati di frode fiscale, sono risultati riferibili beni e aziende manifatturiere attraverso le quali sarebbero stati commessi gli illeciti consistiti, fra l’altro, nell’emissione di false fatture per 2,5 milioni, per un’evasione complessiva di oltre 1,5 milioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,001 seconds.