La nuova regione secondo i sindaci. Intanto riaffiora l’ipotesi di una candidatura Delrio

regione_ppLa corsa verso la candidatura a presidente della Regione Emilia Romagna, in vista delle primarie del PD in programma per il 28 settembre, potrebbe arricchirsi di un nuovo contendente, e si tratterebbe di un protagonista di primo piano: Graziano Delrio, reggiano, ex sindaco della città, oggi sottosegretario alla Presidenza del consiglio, renziano della primissima ora. La voce circola a livello nazionale, ma non trova grossi riscontri a livello locale: di certo, una discesa in campo di Delrio aprirebbe la strada a un rimpasto di governo – vista anche l’imminente uscita dall’esecutivo del ministro degli Esteri Mogherini- ma cambierebbbe anche profondamente le forze in campo in vista delle prossime primarie del Partito.

Intanto cinque sindaci della regione, con un documento congiunto, chiedono di essere protagonisti della costruzione di una nuova regione ed alleati della futura amministrazione regionale nella creazione di un modello di sviluppo per il futuro. Il messaggio da quattro sindaci dela via emilia a cui si aggiunge il sidnaco di Ferrara Tiziano Tagliani.

Sono Virginio Merola di Bologna, Daniele Manca di Imola, Gian Carlo Muzzarelli di Modena, Luca Vecchi di Reggio Emilia e appunto Tiziano Tagliani di Ferrara. Il loro è un ‘Manifesto per una nuova regione’ che invieranno a tutti i candidati alle primarie del centrosinistra. I sindaci, in sintesi, si propongono come interlocutori privilegiati per la nuova Regione, anche alla luce del nuovo riordino istituzionale che ha abolito le amministrazioni provinciali, dando il potere nelle nuove province agli eletti nei Comuni. “I Sindaci della nostra regione – scrivono – saranno l’alleato migliore di questa nuova strategia: con la rete delle città è possibile concepire un rinascimento industriale, con le città della costa, le città d’arte e i comuni della montagna si promuove il turismo, con tutti i comuni si devono creare le condizioni per una crescita equilibrata, per la sicurezza del territorio e la tutela dell’ambiente, per la promozione dei diritti dei cittadini”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
141 queries in 1,303 seconds.