Protesta vigili fuoco: “A rischio nostra autonomia con riforma Corpo”

C’è grande preoccupazione tra i vigli del fuoco, anche a Ferrara e in tutta l’Emilia Romagna.

Mentre in tutta Italia, sui giornali, sui social, nelle curve degli stadi i vigili del fuoco sono osannati come orgoglio nazionale”, “campioni del mondo”, “Italia migliore, da parte dei nostri vertici siamo nuovamente costretti a subire frustrazioni e umiliazioni”.

Questo si legge in una nota diffusa dai rappresentanti ferraresi dei vigili del fuoco e della Funzione Pubblica di CGIL. Le preoccupazioni nascono dal timore che il Corpo, che oggi gode davvero della grande fiducia dei cittadini, perda la propria autonomia, e con essa, parte della propria efficacia operativa.

Domani a Roma – spiega Natale Vitali, segretario Provinciale della Funzione Pubblica CGIL – si terrà un incorrotto governo-sindacati, con il sottosegretario Giampiero Bocci del Ministero dell’Interno, per presentare il piano del governo per il riordino dei vertici del corpo. Proprio nel nuovo schema di decreto sono contenute le novità che oggi preoccupano i vigili del fuoco, e a cui noi siamo contrari”.

Oggi all’interno del Ministero dell’interno c’è un dipartimento dei vigli del fuoco, il cui capo è un Prefetto: ma c’è anche un Capo operativo del corpo dei vigili del fuoco, che è un tecnico con esperienza sul campo. Il Capo del Corpo di fatto garantisce l’autonomia dei vigili del fuoco e di conseguenza, secondo la CGIL, la sua efficacia operativa. Ma il governo vorrebbe unificare le due figure di vertice, e dare tutto in mano a un Prefetto, presumibilmente di nomina politica.

Si tratta di un’inaccettabile ritorno al passato, dicono i vigili del fuoco di CGIL: il rischio è che il corpo, venendo subordinato al potere prefettizio, perda autonomia e unità, con tutti i rischi che questo comporta quando ci si trova di fronte a vere emergenze nazionali”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,141 seconds.