L’Arcivescovo Negri e le esternazioni sulla strage di giovanissimi a Manchester

“Io spero che almeno qualcuno di questi guru – culturali, politici e religiosi – in questa situazione trattenga le parole e non ci investa con i soliti discorsi per dire che «non è una guerra di religione”, che «la religione per sua natura è aperta al dialogo e alla comprensione».

Chi parla è l’arcivescovo di Ferrara-Comacchio Mons Luigi Negri: la sua è una riflessione molto dura, pubblicata sul sito internet La Bussola Quotidiana, sull’ennesimo attentato perpetrato questa volta ai danni di tanti adolescenti e ragazzini che avevano l’unica colpa di voler assistere al concerto di una cantante famosa.

Parole destinate a far discutere, quelle di Mons. Negri: se la prende con quello che definisce il pensiero laicista, capace di “bolsa retorica” ai funerali, preoccupato di negare “l’esistenza di una guerra di religione” ma incapace di conferire senso all’esistenza di questi giovanissimi, a cui offre unicamente benessere materiale, e a cui non insegna che cos’è il male.

Parole coerenti con quanto monsignor Negri ha sempre proclamato, anche nel suo ruolo di Arcivescovo di Ferrara Comacchio. Parole le sue che che non trascurano di manifestare un sentimento di compassione nei confronti dei ragazzi uccisi , sebbene abbiano già generato reazioni sdegnate a livello politico. “Siete morti senza una ragione, come forse siete vissuti” dice Mons Negri, non per colpa vostra ma dei vostri adulti”, “ma vi ho sentiti legati a me in un modo speciale: celebrerò una messa il giorno del vostro funerale”.

4 Commenti

  1. pietro ferretti says:

    BASTA COI SOLITI DISCORSI !
    GLI ISLAMICI DOVREBBERO ORGANIZZARE UNA MARCIA (A MILANO IN MOLTI CI SONO ANDATI ) PER PROTESTARE CONTRO I TERRORISTI CHE DICONO DI ESSERE MUSULMANI

  2. Teresa Fallacara says:

    queste parole sono una pugnalata al cuore di genitori già tanto provati dalla tragedia più grande che possa capitare nella vita.Un uomo di Dio non può avere parole tanto dure verso chi è nella sofferenza più lancinante.Silenzio , rispetto e preghiera.

  3. Il discorso di mons. Negri e’ molto piu’ articolato di come viene presentato in queste poche righe. Prima di tranciare giudizi , andate a leggere l’articolo su La Nuova Bussola Quotidiana

  4. Teresa Fallacara says:

    Appunto! E’ proprio la lettura integrale di quel discorso che suscita lo sdegno. Ma questo non può essere capito da chi non ha figli! Imparate a fare silenzio quando non siete capaci di capire lo stato d’animo di chi ha subito una perdita grave.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,137 seconds.