Lavori al “Mazza”, sindaco Tagliani: “Non siamo assassini di alberi” – VIDEO

Continua a tenere banco, in città, la polemica sull’abbattimento degli alberi fuori dallo stadio.

Questa mattina c’è stata la replica dell’amministrazione comunale alle dichiarazione di ieri degli ecologisti. Gli assessori Modonesi e Merli respingono la richiesta di dimissioni avanzata da Tommaso Mantovani. Si infiamma la polemica sugli alberi tagliati per far posto ai tornelli fuori dallo stadio, discussione che ha raggiunto toni molto accesi.

 

 

Durante la conferenza stampa in cui è stato fatto il punto della situazione sui lavori allo stadio, il sindaco Tiziano Tagliani, in maniera veemente, ha sottolineato che sia lui, sia l’assessore ai lavori pubblici, Aldo Modonesi, non sono, testuali parole, “assassini di alberi”. Il primo cittadino poi ha sottolineato che i tecnici, i quali stanno lavorando al progetto da 1,6 milioni di euro per la ristrutturazione dello stadio, non possono essere offesi dalle dichiarazioni degli ecologisti, rilasciate martedì alla stampa. Tagliani ha definito i manifestanti dei “dilettanti allo sbaraglio”.

Il progetto dello stadio contenuto nei faldoni dei tecnici

Il progetto dello stadio contenuto nei faldoni dei tecnici

“Il progetto alternativo degli ambientalisti non è stato presentato alla stampa per motivi di privacy” ha detto il sindaco, il quale ha sollevato forti dubbi poi sulla possibile attuazione di lavori che non prevedano l’abbattimento degli alberi. Non c’era altra soluzione all’abbattimento dei quindici alberi, è stato detto in conferenza, in cui è stata rilasciata una spiegazione dettagliata del progetto e delle normative necessarie per la partecipazione della Spal alla prossima Serie B. Respinte anche le richieste di dimissioni degli assessori Modonesi e Merli.

Le misure delle aree di sicurezza fuori dallo stadio, richieste dagli enti preposti, impongono paletti molto rigidi e che contrastavano con la presenza degli alberi, soprattutto in corso Piave dalla tribuna dello stadio Mazza. Tramontata definitivamente l’idea di uno stadio nuovo e fuori città, i lavori invece, per i tecnici del Comune, ora stanno procedendo all’interno del “Mazza” con la demolizione di alcune recinzioni, come quella tra la tribuna e il campo da gioco.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
131 queries in 1,383 seconds.