Le Corti di Medoro: oggi inaugurato lo studentato – VIDEO

palaspecchi corti medoroFinita con un anno di anticipo la residenza universitaria de Le Corti di Medoro, nell’area di via Tassoni, ex zona artigianale fra via Bologna e via Ferraresi, è il primo edificio nato dalla demolizione – ristrutturazione dell’ex Palazzo degli Specchi. Ospita già 78 studenti, ma sarà in grado di ospitarne 150.

Questa mattina l’inaugurazione per la stampa e la benedizione. Nel pomeriggio l’apertura alla città.

A presentare la struttura e il primo risultato della rigenerazione urbanistica e architettonica del quartiere sono stati Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara, Paola Dal Monte di Cassa Depositi e Prestiti.Patrizio Bianchi, assessore regionale alla Scuola, Università e Ricerca, Daniele Palombo e Diego Carrara, presidente e direttore di Acer Ferrara e i rappresentanti di enti, aziende e società coinvolte nell’intervento di riqualificazione del complesso edilizio “Le Corti di Medoro” in via Tassoni . Presenti anche Aldo Modonesi, assessore comunale ai Lavori Pubblici e Mobilità, Roberta Fusari, assessora comunale all’Urbanistica e Rigenerazione Urbana

E’ stata pianificata circa dieci anni fa, con un progetto che si misurava con un’idea di città futura e non sull’onda dell’emergenza alloggi, che l’aumento di circa 5000 iscrizioni all’Università di Ferrara, degli ultimi 2 anni, fa apparire oggi provvidenziale.

La Residenza “Le Corti di Medoro” per studenti ricercatori e dottorandi offre 153 posti letto in stanza singola o doppia e rappresenta un primo intervento di riqualificazione dell’ex Palaspecchi secondo i principi dell’edilizia residenziale sociale.

La nuova struttura è composta da cinque piani e da n. 44 appartamenti di diverse tipologie, in classe energetica “A” completamente arredati, dotati di isolamento termoacustico, con riscaldamento invernale tramite teleriscaldamento e dotato di sistema di climatizzazione degli ambienti. Sono presenti il servizio WI-FI, il portierato e un ampio parcheggio.

Si tratta, ha sottolineato il sindaco Tiziano Tagliani, di un intervento di riqualificazione che ci riempie di orgoglio, perché corregge un errore urbanistico di 40 anni fa, nato dalla determinazione dell’amministrazione che ha iniziato dieci anni fa il lungo e complesso iter che ha portato al risultato odierno e che nasce dalle ceneri dell’ ex Palazzo degli Specchi di cui cambia destinazione d’uso, ma rimodella e rinnova un intero quartiere .
Le corti di Medoro, infatti, sono destinate a modificare radicalmente questa parte della città, dando vita ad un nuovo polo universitario, attraverso la saldatura fra studentato, quartiere fieristico cittadino e sedi universitarie del centro città, con cui quest’are sarà collegata da dalla linea bus n. 11 e da una pista ciclabile.

Una cittadella dei giovani, arricchita da una Biblioteca, servizi vari, un edificio di edilizia di housing sociale, la sede del comando della Polizia Municipale. A Gestire lo studentato è Acer Ferrara in collegamento con Ergo.

Possono accedere alla concessione dei posti letto gli studenti universitari regolamente iscritti all’Università di Ferrara; ricercatori/dottorandi dell’Università di Ferrara.

I requisiti sono un reddito complessivo del nucleo familiare e/o del singolo assegnatario (risultante da attestazione vigente al momento della presentazione della domanda) con valore ISE compreso tra € 8.000,00 ed € 98.000,00; incidenza del canone sul valore ISE non superiore al 30%.
Il modulo di domanda può essere richiesto inviando una e-mail all’indirizzo: [email protected]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,934 seconds.