Le sardine in Piazza Castello: botta e risposta con il vicesindaco Lodi

Continua a far discutere il flash mob delle “6000 sardine – Ferrara”, tenutosi sabato sera in Piazza Castello.

Tra le numerose reazioni generate, quella più in vista arriva dal vicesindaco Nicola Lodi, che in video sui social network identifica il movimento con il PD. Le sardine nascono come una moda che sostiene di essere apolitica – sostiene il vicesindaco – ma che poi si sposta da una piazza all’altra con slogan contro Salvini e la Lega.

Sabato sera, aggiunge, c’era in piazza il Partito Democratico con gente proveniente da altre città per riempire il centro storico. Nel video, Nicola Lodi sottolinea che il centro-destra non porta la gente in piazza, ma alle urne. Frasi che hanno provocato diverse risposte, non solo da parte di politici, ma soprattutto dal gruppo “6000 Sardine” che replica dicendo che dal video “traspare un certo sentimento di invidia e stupore per quella piazza così partecipata, allegra, festante e determinata a farsi sentire.

Una reazione goffa e un po’ scomposta che mira a sminuire la potenza del messaggio e che probabilmente ha fatto sorridere migliaia di sardine ferraresi”. La piazza, specificano, era piena di ferraresi e non di truppe cammellate. “Quella piazza – aggiungono le sardine estensi – esprimeva tutto il disagio di una larga fetta della cittadinanza nei confronti della sua amministrazione e dei referenti politici del suo partito”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,168 seconds.