“Notti brave” ai lidi: rischio multe per i gestori fino a imposizione chiusura dei locali – VIDEO

Giro di vite da parte delle forze dell’ordine nei confronti della movida, soprattutto quella ai lidi di Comacchio dove lo scorso fine settimana si sono registrati diversi assembramenti.

Limitare gli orari di apertura dei locali e multe ai gestori che non riusciranno a garantire il distanziamento.

Nei casi definiti più gravi, le autorità potrebbero adottare anche misure drastiche come la chiusura temporanea dei locali. E poi più controlli nei locali con la presenza anche dell’ispettorato del lavoro, dei vigili del fuoco e della polizia locale, per verificare il rispetto dei protocolli sul contrasto alla diffusione del contagio da covid.

Queste le valutazioni emerse dalla riunione tecnica di coordinamento di ieri pomeriggio in Prefettura a Ferrara dopo quelle che sono state definite le “notti brave” ai lidi di Comacchio lo scorso del fine settimana, quando le forze dell’ordine, in massa, sono dovute intervenire in varie occasioni per disperdere gli assembramenti nei luoghi della movida.

In Prefettura è stato notato come i protagonisti di queste vicende siano soprattutto giovani, come sottolineato dalle autorità, spesso incuranti del rispetto delle norme sul distanziamento per la prevenzione del covid.

“Dobbiamo assicurare il divertimento, ma sempre in una cornice di sicurezza – ha sottolineato il prefetto di Ferrara, Michele Campanaro secondo cui occorre evitare che si ripetano comportamenti irresponsabili gli ha definiti il rappresentante del Governo nel territorio estense.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
137 queries in 1,209 seconds.