L’ultimo saluto a Valerio Verri: “Ci lascia un’eredità preziosa” – VIDEO

Oggi era il giorno dell’addio a Valerio Verri, la vittima freddata da Norbert Feher esattamente una settimana fa.

Questa mattina nella chiesa di Ospital Monacale erano tante le persone che hanno voluto dare l’ultimo saluto alla guardia volontaria del Servizio vigilanza ambiente. Presente anche il Ministro all’ambiente, Gian Luca Galletti.

Un applauso come ultimo saluto dei parenti, degli amici e dei colleghi, a Valerio Verri. Tanta commozione sabato alle 9.30 circa nella piccola chiesa di Ospital Monacale, nell’argentano, a pochi chilometri dalla zona rossa dove le ricerche proseguono da una settimana.

Sabato era il giorno del silenzio, come il minuto che Portomaggiore ha voluto dedicare, allo scoccare del mezzogiorno, al proprio concittadino di Portoverrara ucciso da Norbert Feher poco prima delle ore 19 di una settimana fa. Un lungo silenzio ha accolto il feretro della guardia volontaria di 62 anni che lascia la moglie e due figli.

 

 

Alla cerimonia, officiata da monsignor Massimo Manservigi, Vicario generale della Diocesi di Ferrara-Comacchio, hanno partecipato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, oltre alle più alte cariche istituzionali e delle forze dell’ordine cittadine, insieme a tanti sindaci del medio e basso ferrarese.

“Un cittadino con un impegno civile molto forte, siamo riconoscenti a lui”. Così il ministro Galletti ha voluto ricordare Verri mentre salutava i colleghi di Valerio, agenti e volontari che tutelano l’ambiente.

Non mandate via le truppe finché non l’avrete trovato” ha chiesto ad alta voce al Ministro un uomo presente alla cerimonia. Monsignor Manservigi, nella sua omelia, si è rivolto anche al killer: “Consegna le armi, riscopri la tua umanità e che il Signore converta il tuo cuore”, queste le parole di Monsignor Manservigi che, come tutta la Diocesi e l’amministratore Apostolico di Ferrara-Comacchio, Monsignor Luigi Negri, si sono stretti alla famiglia di Valerio Verri. Come riportano le parole dell’Arcivescovo di Ferrara e Comacchio, affidate ad una lettera spedita alla famiglia, “la testimonianza di Valerio deve essere accolta come un’eredità preziosa”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
147 queries in 1,211 seconds.