Moneta elettronica, Confesercenti chiede sgravi alle imprese

scolamacca confesercentiE’ uno degli argomenti più dibattuti delle ultime settimane, moneta elettronica sì o no?

Da Ferrara c’è chi ha scritto una lettera ai parlamentari ferraresi.

Confersercenti Ferrara è favorevole all’idea del Governo di penalizzare chi utilizza il contante e incentivare invece l’uso delle carte, ma l’associazione degli esercenti estensi scrive ai parlamentari ferraresi per chiedere costi più bassi per gli imprenditori che hanno il pos.

E’ quanto contenuto nella lettera aperta firmata dal presidente di Confesercenti Ferrara, Nicola Scolamacchia, inviata a deputati e senatori estensi.

pos bancomatIn questi anni, seppur l’utilizzo di carte sia aumentato, sottolinea Scolamacchia, “non abbiamo assistito ad un calo dei costi fissi e delle commissioni richiesti dagli istituti bancari per fornire questi servizi”.

Per Confesercenti, “l’Europa è già intervenuta nei confronti delle commissioni interbancarie relative a questa tipologia di pagamenti, imponendo una commissione massima dello 0,3% , un valore inferiore a quello applicato dalle banche alla propria clientela” e il presidente chiede che anche i costi applicati dalle banche verso le imprese per la gestione dei pagamenti elettronici siano limitati per legge, evitando aumenti di altri oneri finanziari.

Confesercenti inoltre auspica l’azzeramento di ogni costo per le transazioni di importo più basso e l’introduzione di una web tax, per creare maggiore concorrenza in un settore in cui le piattaforme e-commerce internazionali spostano gli equilibri.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,393 seconds.