Pesca abusiva, aree protette e inasprimento delle pene: la proposta della Provincia per combattere il fenomeno

IMG-20160203-WA0006

Ancora un nuovo episodio di bracconaggio nelle acque della provincia di Ferrara.

E questa volta anche il modus operandi è del tutto nuovo: i bracconieri si sono dotati di nuove reti che di fatto sono pressoché invisibili ma bloccano il pesce che sempre più viene a mancare nei nostri fiumi e canali. L’episodio è stato portato alla luce dalla polizia provinciale, diretta dal comandante Claudio Castagnoli che questa volta ha registrato l’illecito nel canale Pilastresi, in località Ponti Spagna, una frazione di Bondeno.

La polizia provinciale dunque ancora una volta denuncia il fenomeno del bracconaggio del pesce che sempre più mette a rischio l’equilibrio floro-faunistico del nostro territorio. Un fenomeno che viene preso in considerazione dalla Provincia di Ferrara che attraverso il suo presidente, Tiziano Tagliani nei giorni scorsi ha fatto una proposta alla Regione: creare delle aree di pesca che dovranno essere regolamentate dai Comuni affinché con i pescatori professionisti e quelli appassionati, gli sportivi della pesca, si proceda ad una realizzazione di un sistema di monitoraggio di fiumi e canali che contrasti il fenomeno della pesca abusiva del pesce.

Per tale motivo il sindaco infatti ha inoltrato la richiesta alla Regione e i consiglieri ferraresi del Pd, Paolo Calvano e Marcella Zappaterra hanno accolto l’appello e presto porteranno la questione in assemblea regionale. I due consiglieri inoltre ritengono che oltre alla costituzione di aree speciali gestite dai vari Comuni, la proposta di Tagliani è appoggiata anche dal sindaco di Ostellato, Andrea Marchi, sia necessario anche inasprire le sanzioni penali nei confronti di coloro che pescano abusivamente il pesce nelle acque dei fiumi e dei canali del nostro territorio.

Il fenomeno per la sua portata, si tratta di quintali di pesce pescato che viene poi esportato sopratutto nell’Est Europa, sta creando, come dicevamo, non pochi problemi all’ecosistema locale con gravi ripercussioni anche per l’economia locale, visto che il settore della pesca sportiva è una voce importante del nostro territorio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,252 seconds.