Po, allerta rossa solo vicino al Delta. La piena sta defluendo verso il mare

Rimane rossa ma solo nella parte finale dell’asta del fiume Po l’allerta della Protezione civile regionale per criticità idraulica. La piena, infatti, ormai è defluita verso il delta e per domani, 30 novembre, si prevedono condizioni di tempo stabile. In Emilia il codice di allerta è ora giallo nella pianura emiliana occidentale, arancione nella parte centrale, sempre per gli effetti del transito della piena

A Pontelagoscuro il colmo di piena del Po si è passato nel pomeriggio di ieri con m 2,78 sullo zero idrometrico (livello 3 di criticità, elevata, colore rosso, che inizia a m 2,50 s.z.i.) e il livello sta decrescendo (m 2,45 s.z.i. alle ore 13,30).

 

Col miglioramento del deflusso verso il mare, i livelli sono in calo nei rami del Delta, anche se sul Po di Goro (idrometro di Ariano) il  rientro sotto la soglia 3 di criticità risulterà più lento rispetto al Po di Venezia (idrometro di Cavanella), in ogni caso nell’arco delle prossime 36 ore.

Il massimo livello in questi due idrometri è già stato raggiunto a causa del persistere,  da diversi giorni,  di condizioni di marea sostenuta e il conseguente prolungarsi di valori superiori alla terza soglia di criticità nei rami deltizi. I dati mostrano il picco raggiunto a Cavanella il 27 novembre con m 4,89 sullo zero idrometrico (livello 3 di criticità, elevata, colore rosso, che inizia a m 4,60) e ad Ariano ieri, 28 novembre,  con m 3,64 s.z.i. (livello 3 di criticità, elevata, colore rosso, che inizia a m 3,20), ma per interpretarli correttamente va considerato che a Cavanella ancora nella serata di ieri il livello si attestava sopra i m 4,80 e ad Ariano nella mattina di oggi il livello era ancora superiore a m 3,50.  Si tratta quindi di oscillazioni limitate, difficilmente prevedibili nel dettaglio quando l’evoluzione del deflusso in mare presenta elementi di incertezza.

Il rientro nel livello 2 di criticità (moderata, colore arancione) è in corso sul tratto del Po da Boretto in poi e si verificherà gradualmente nelle prossime ore lungo tutto il corso del fiume. I livelli di piena interessano ancora alcune aree golenali.

Il personale AIPo è in piena attività H24 dalla sala servizio di piena centrale e tramite gli uffici operativi sul territorio, per il monitoraggio, il controllo e la vigilanza delle arginature e delle altre opere idrauliche di propria competenza, nonché per interventi sui fontanazzi, in stretto coordinamento con i sistemi nazionale, regionale e locali di protezione civile.

E’ raccomandata la massima prudenza in prossimità delle aree prospicienti i fiumi e delle golene

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,472 seconds.