Ponte sul Po: un servizio traghetto gratuito dall’11 giugno – VIDEO

E’ stato presentato oggi il nuovo servizio navetta su acqua che permetterà l’attraversamento del Po dall’11 giugno, giorno della chiusura del ponte tra Pontelagoscuro e Santa Maria Maddalena, per i già preannunciati lavori.

 

 

Un battello, gestito dalla società Canottieri di Pontelagoscuro e attivato grazie alla disponibilità dei pontili gestiti da ARCI Pesca a Pontelagoscuro e dal ristorante Il Pontile a Santa Maria Maddalena: è il servizio (reso gratuito grazie a sponsor privati, tra cui Holding servizi) che i Comuni di Ferrara e Occhiobello metteranno a disposizione dei cittadini dall’11 giugno, giorno in cui il ponte sul Po sarà chiuso per i preannunciati 4 mesi di manutenzione. Il servizio è stato presentato in una conferenza, alla presenza del sindaco Tiziano Tagliani e dell’assessore Aldo Modonesi, in rappresentanza del Comune di Ferrara, e del sindaco Daniele Chiarioni e dell’assessore Davide Valentini, in rappresentanza del Comune di Occhiobello.

traghetto ponte po battelloIl battello permette un veloce passaggio del Po (circa un minuto e mezzo), con un trasporto di una decina di persone e circa 5-6 biciclette a transito ed una stima di circa una decina di attraversamenti all’ora. L’orario sperimentale di servizio sarà dalle 20.00, poi le corse saranno a seconda dei flussi di persone e, data l’estrema vicinanza dei due pontili, il servizio sarà ‘a chiamata’, grazie ai soci volontari della Canottieri presenti sul posto. Treni e bus saranno incrociati negli orari, per permettere di raggiungere da Ferrara la destra Po ed il successivo attraversamento. Diciannove le corse da Ferrara verso nord con 9 treni Trenitalia (5 treni regionali più 4 nuove fermate di treni Bologna-Ferrara-Venezia); 5 navette Tper; 5 corse di linea BusItalia. In definizione le corse di Garbellini.

Prima corsa prevista alle ore 5.30 (Tper), ultima corsa alle 19.23 (Trenitalia). Altrettante saranno le corse da Santa Maria Maddalena verso sud con 9 treni Trenitalia (5 treni regionali più 4 nuove fermate di treni Bologna-Ferrara-Venezia); 5 navette Tper; 5 corse di linea BusItalia. In definizione le corse di Garbellini

Prima corsa alle 6.00 (Tper), ultima corsa: 19.53 (Trenitalia). Sarà istituita inoltre una fermata aggiuntiva lungo la via Eridano a Occhiobello.

Per chi preferirà l’autostrada, intanto, è confermata l’esenzione del pedaggio tra i caselli di Ferrara Nord e Occhiobello per i nuovi e vecchi utenti telepass family (e per chi prenderà il telepass canone gratuito per i primi sei mesi). L’esenzione sarà riservata ai residenti e domiciliati nei Comuni di Ferrara, Occhiobello, Stienta, Gaiba, Fiesso Umbertiano, Canaro e Pincara, e per tutti i veicoli di classe A e B.

Il costo del pedaggio dei transiti storici della tratta Ferrara Nord-Occhiobello (stimato in 150mila euro) sarà coperto per il 50% da Anas e per il 50% dagli enti locali. Alla conclusione del cantiere eventuali maggiori ricavi di Autostrade dovuti ai maggiori transiti saranno detratti dal costo massimo presunto dell’operazione di 150mila euro.

I Telepass sono ritirabili presso Punto Blu casello Ferrara Sud e presso oltre 300 sportelli bancari e postali della zona. Inoltre saranno attivati due punti di distribuzione straordinari presso le sedi dei comuni di Ferrara e Occhiobello. Ora l’attesa è per l’inizio delle attività di allestimento del cantiere, atteso per il 28 maggio, con l’istituzione del senso unico alternato, per poi arrivare alla chiusura dei quattro mesi dall’11 giugno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
137 queries in 1,120 seconds.