Primo incontro Stati Generali per candidatura Comacchio a capitale Cultura 2018

comacchio copia

Il progetto di candidatura di Comacchio a capitale della cultura italiana per il 2018 ha cominciato a prendere forma nel tardo pomeriggio, in occasione dell’incontro degli Stati generali del Turismo e della Cultura, svoltosi a Palazzo Bellini.

Proprio da oggi, come hanno spiegato il Dirigente alla Cultura ed al Turismo Roberto Cantagalli e la coordinatrice del progetto, Alessandra Felletti, direttamente dalla home page del sito comunale si possono scaricare il modulo di adesione “Iscriviti ai tavoli tematici” ed il form “Mandaci il tuo contributo”, al fine di partecipare attivamente alla stesura del progetto. “Questa è una giornata molto importante – ha commentato l’Assessore alla Cultura Alice Carli -, per condividere il metodo di predisposizione della candidatura.
Dobbiamo crederci tutti insieme e lavorare tutti insieme, per compiere un passo importante per il futuro del territorio. Mi auguro che possa scaturire tanta collaborazione, voglia di fare e crescita comune.” Il Dirigente del Settore Turismo e Cultura, Roberto Cantagalli ha illustrato a grandi linee il percorso, suddiviso in due tappe importanti, la prima da raggiungere entro fine maggio con l’inoltro della manifestazione di interesse al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. La seconda tappa, quella decisiva, consisterà nell’invio del vero e proprio progetto di candidatura, entro il termine previsto del 30 giugno prossimo.
01 comacchio capitale cultura-1“Tutti possono iscriversi ai 5 diversi tavoli tematici che abbiamo istituito – ha precisato Cantagalli -, con l’obiettivo di concludere i lavori entro metà maggio, fare sintesi e presentare la candidatura. Un ruolo di raccordo fondamentale nei lavori è quello del Comitato promotore – ha aggiunto Cantagalli -, che nel Progetto Comacchio, il patto per il lavoro recentemente sottoscritto, ha la sua cabina di regia.” A fianco opererà anche il Comitato scientifico, di cui farà parte lo scrittore Marcello Simoni, che avrà l’onere e l’onore di redigere la prefazione della proposta. “Puntiamo alla massima partecipazione e coinvolgimento – ha sottolineato il sindaco Marco Fabbri -; questa è una buona occasione per sfatare un tabù.
Vorrei che rispetto al passato ci fosse un grazie, rispetto a ciò che è stato fatto, come ci ricorda il sottotitolo della Festa dei pesci marinati, presentata questa mattina, ma lo sguardo deve essere rivolto al futuro. Vogliamo andare oltre i confini, oltre l’isolamento atavico del territorio – ha aggiunto il primo Cittadino -; ci sono energia ed entusiasmo da non far scemare, ma anche tutte le carte in regola per giocare al meglio questa candidatura, valorizzando tutti i nostri ingredienti identitari, puntando sulla coesione e sull’inclusione sociale.” La coordinatrice del progetto, Alessandra Felletti ha spiegato le modalità di partecipazione ai numerosi incontri tematici, precisando che le schede di partecipazione, una volta scaricate dalla home page del sito comunale all’indirizzo www.comune.comacchio.fe.it, potranno essere consegnate a mano in biblioteca o rispedite in formato elettronico, come illustrato sullo stesso portale dell’Ente. “Questa è una buona occasione per Comacchio per esprimersi – ha sottolineato Felletti -, per ritrovare la propria identità e per guardare con sguardo benevolo, d’amore verso la propria terra.” Per informazioni ulteriori si suggerisce di contattare la Dott.ssa Alessandra Felletti ai seguenti recapiti: 0533-318707 ed e-mail: [email protected]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
141 queries in 1,167 seconds.