Processo a parroco per presunte molestie su bambino: Cassazione rigetta ricorso della famiglia. Legale Don Andrea: “Finito un incubo”

cassazione

L’incubo giudiziario di Don Andrea Margutti è finito.

E a deciderlo è stata la Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso promosso, ai soli effetti civili, dai genitori del minore per il quale era partita la denuncia contro il parroco,

Don Andrea Margutti, difeso dall’avvocato Claudio Maruzzi, fu accusato di abusi sessuali nei confronti di un minore. Dopo una condanna in primo grado emessa dal tribunale di Ferrara, Don Andrea, attraverso il suo legale, ha poi fatto ricorso in Corte d’Appello dove è stato assolto con formula piena. Nonostante questa sentenza di secondo grado la famiglia del bambino ha voluto andare avanti ricorrendo in Cassazione che però ha dichiarato il ricorso inammissibile, ai soli effetti civili.

“Il mio assistito è stato sospeso dalle funzioni sacerdotali per queste accuse – spiega in una nota il suo legale – con evidenti gravi difficoltà a gestire una situazione che, solo la forza della fede e la vicinanza che, nonostante tutto, molti fedeli e amici gli hanno in questi anni voluto assicurargli, hanno impedito che diventasse irrecuperabile”. Il due novembre per Don Andrea si terrà un nuovo processo. Ma questa volta Don Andrea è la parte offesa mentre sul banco degli imputati siederà il padre del bambino accusato di estorsione e calunnia.

“A quel processo – dichiara il suo legale Maruzzi – il mio assistito dedicherà ogni residua energia nella sua battaglia tesa a dimostrare che le accuse a suo danno erano non solo ingiuste, ma calunniose e parte di un disegno estorsivo”. Il 27 ottobre è fissato il processo per il furto dei mobili subito dal cittadino serbo, allorché fu costretto – per ordine del tribunale – a liberare l’immobile che il sacerdote aveva concesso in uso alla sua famiglia. Il 6 dicembre è prevista la prosecuzione del processo per diffamazione a mezzo web, attraverso una intervista resa dal cittadino serbo e postata su Youtube da Francesco Zanardi, di Rete L’Abuso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,186 seconds.