Richiedenti asilo a Ravalle, per Fabbri un caso anti-Lega

“A Ravalle vicenda già chiusa da giorni”. Le parole sono quelle del sindaco Alan Fabbri in merito alla questione dei 35 richiedenti asilo e del caso che è stato sollevato nelle ultime ore dal quotidiano “La Repubblica”, dove viene sottolineato il fatto che gli abitanti non si fiderebbero più nemmeno della Lega.

Parole faziose secondo il primo cittadino di Ferrara che sostiene, al contrario, di aver seguito da vicino il caso e di aver dialogato più volte con i cittadini, con la proprietaria dell’immobile dove i profughi dovevano essere sistemati e con tutti i soggetti convolti, compresa la Prefettura.

Nel comunicato, Fabbri rincara dicendo che “la proprietaria dell’immobile ha posto il veto sulla vendita e dunque sull’utilizzo della struttura, ma la stessa cooperativa assegnataria del bando, a quanto risulta, ha rinunciato alla collocazione nella frazione”.

Si tratterebbe dunque, secondo il sindaco, di un caso montato ad arte dal PD.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
131 queries in 1,487 seconds.