Scuole, arrivano i moduli-container

Sono trenta le scuole di Ferrara che hanno subito danni dal sisma. Ma per due di queste, l’Aquilone di via Krasnodar e la Ercole Mosti la situazione è più complessa. La commissione della protezione civile infatti le ha dichiarate inagibili e da un incontro avvenuto ieri in Regione è molto probabile che gli alunni della scuola di Kranosdar, l’aquilone appunto finiscano in un modulo provvisorio che sarà ubicato nell’area sportiva Ugo Costa.

Diverso il destino per la Mosti. La sua inagibilità, a differenza dell’Aquilone, infatti, è recuperabile. L’amministrazione infatti sta effettuando ulteriori approfondimenti per capire come potrà essere prima recuperata e poi messa in sicurezza, ma è certo che per il nuovo anno sarà molto difficile che possa riaprire agli studenti. Cento alunni circa, le sette sezioni della Mosti, potrebbero dunque essere trasferite in un altro istituto.

Il punto sulla situazione delle scuole lo ha fatto oggi l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Ferrara, Aldo Modonesi in occasione, ancora una volta,  della presentazione della tavola rotonda sul dopo terremoto di Agenda 21.

“I moduli sono inevitabili” ha detto Modonesi perché i tempi per i lavori di ripristino e messa in sicurezza delle scuole di Ferrara sono molti stretti.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=7db19d06-988b-4001-8799-5ba0ef74a824&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
138 queries in 1,788 seconds.