Senato: i capigruppo rinviano all’aula il voto, domani, sul calendario della crisi

Domani l’Aula del Senato voterà sul calendario alle 18. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo, che ha fissato per il 20 agosto le comunicazioni del premier Giuseppe Conte. Lo riferisce la presidente del gruppo Misto Loredana de Petris. «La convocazione dell’Assemblea è stata determinata dalla divisioni interne alla capigruppo che oggi non aveva l’unanimità. “Nessuna forzatura dei regolamenti, ha precisato questa mattina la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, “«l’art. 55, comma 3, prevede infatti che sulle proposte di modifica del calendario decida esclusivamente l’assemblea, che è sovrana”. Non, quindi, il Presidente del Senato. che ha poi aggiunto che «In un momento così delicato per il Paese, l’unico metro possibile da adottare a garanzia di tutti i cittadini è il rispetto delle regole» ha concluso Casellati.
Intanto, in diretta Facebook il leader M5S Luigi Di Maio ha chiuso all’ipotesi di un governo di scopo , come prospettato dal dialogo a distanza fra Grillo e Renzi, e ha ribadito il rischio cui Salvini ha esposto con questa crisi di Ferragosto il Paese. “Un governo che nasca dopo il voto a ottobre non avrà il tempo di fare le cose, ha detto Di Maio, se tutto va bene un nuovo governo ci sarà a dicembre e non avrà il tempo per fare il taglio dell’Iva o di confermare il reddito e la pensione di cittadinanza. Andare in esercizio provvisorio è un rischio assurdo».
Intanto il PD appare sempre più diviso fra le due posizioni contrapposte, di Zingaretti, segretario del Partito, che chiede di andare alle urne, ma si rimette alle decisioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e l’imprevista svolta renziana di un’alleanza finora avversata con i Cinquestelle per un governo di scopo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,158 seconds.