Si allarga fenomeno bracconaggio nei fiumi: interviene la Polizia di Stato

pesce sequestrato

Un fenomeno che si sta allargando con l’andare del tempo: è la pesca abusiva nei canali ferraresi, spesso perpetrata da gruppi di stranieri che poi rivenderebbero all’estero la merce, creando un vero e proprio mercato.

Un sensibile incremento del fenomeno della pesca di frodo ha allertato anche la Polizia di Stato che, dopo le innumerevoli operazioni della Polizia provinciale, interviene con alcuni provvedimenti. La comunicazione arriva direttamente dalla Questura di Ferrara, che analizza il bracconaggio nei fiumi e nei canali ferraresi della Destra Po. Gruppi organizzati di persone, prevalentemente originarie dell’est Europa, agiscono soprattutto di notte per caricare i furgoni di pesce dai poi rivendere nei loro paesi originari.

Specie ittiche, in particolare la carpa, pescate con materiale illegale, come chilometri di reti stese sui fondali dei fiumi. Il rischio, per la Polizia di Stato, è la distruzione del patrimonio ittico.

Aggiungiamo noi anche un rischio per la sicurezza pubblica sui canali e per coloro che pescano per hobby, come venne segnalato da un gruppo di pescatori alla redazione di Telestense a inizio anno. E’ ormai appurato, dopo mesi di casi di pesca di frodo segnalati e alcuni circoscritti, come serva una nuova disciplina della materia con sanzioni a carattere penale. Intanto la Divisione Anticrimine della Polizia di Stato ha già emesso diversi provvedimenti a riguardo, nei confronti di sei uomini di origine romena di Argenta e Ravenna.

One Comment

  1. Antico pescatore says:

    Subito dopo la guerra, i “fiocinini” di Comacchio, venivano messi in GALERA per aver fiocinato un’anguilla, ma questi poveri disgraziati lo facevano per dare da MANGIARE alle loro famiglie. Allora io mi chiedo: perchè ci si accaniva contro un povero padre di famiglia italiano e adesso, che questi LADRI non solo rubano il pesce ma ne distruggono anche l’habitat perchè non solo stendono tramagli lunghissimi, ma il pesce lo catturano con veleni (leggi verderame ecc.) e stordenti. Sembra che oggi i tutori dell’ordine abbiano il senso del perdono MOLTO sviluppato. Ogni pescatore dovrebbe sapere cosa succede in Slovenia. Se ti trovano con pesce non a norma, peso o misura, oltre al sequestro e multa ti mettono agli arresti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
142 queries in 1,255 seconds.