Simulazione di maxi emergenza a Voghiera – VIDEO

maxi emergenza simulazione-2Più di cento persone ieri notte, tra operatori del 118, dell’ospedale S.Anna, vigili del fuoco e della croce rossa hanno partecipato alla simulazione di maxi emergenza, che si è tenuta a Voghiera, con l’obbiettivo di verificare le procedure per gestire al meglio eventi tragici, come quello inscenato ieri sera.

Un pullman che esce di strada, con a bordo 50 persone, in via Europa, una strada provinciale nel Comune di Voghiera. Feriti ai bordi della strada, sulla campagne e nel pullman ma anche nelle tre auto coinvolte nello scontro, su una delle quali una donna incinta. Questa la scena della simulazione di maxi emergenza preparata dal 118 di Ferrara, Vigili del Fuoco e Croce Rossa. Le persone, una cinquantina e tutte comparse, sono state preparate un’ora prima della telefonata arrivata alla centrale operativa dell 118 che ha dato il via alla spettacolare simulazione, che ha avuto lo scopo di verificare le procedure già esistenti per la gestione di eventi maggiori e testare in questo modo la capacità assistenziale maxi emergenza simulazionedell’ospedale di Cona.

Gli operatori dell’emergenza arrivati sulla scena del finto incidente hanno così iniziato a prestare soccorso selezionando i feriti che, a seconda della loro gravità, sono stati trasportati al S.Anna di Cona, per i codici rossi, oppure al Delta di Lagosanto per i traumi meno complicati. I pazienti per le prime cure però venivano ospitati nell’ospedale di Campo allestito appositamente dalla croce rossa. Un “posto medico avanzato” per garantire la maxi emergenza simulazione-1stabilizzazione dei feriti gravi prima del trasporto in Ospedale a Cona, dove è stata simulata l’attivazione del Piano di massiccio afflusso di pazienti con l’utilizzo di una parte del Pronto Soccorso e l’intervento di alcuni professionisti.

La simulazione, iniziata alle dieci di sera e finita verso le due di notte, si è svolta al freddo, con temperature fra gli 8 e i dieci gradi (per alcuni minuti si è avviata pure la pioggia) tanto da creare non poche difficoltà alle persone che vi hanno preso parte: circa cinquanta persone per il ruolo di pazienti coinvolti nel maxi incidente, tutti volontari della CRI; altri cinquanta tra operatori delle due Aziende sanitarie e dei Vigili dei Fuoco che, a vario titolo, sono stati impegnati per le manovre di soccorso, ma anche come osservatori esterni per studiare e registrare le operazioni che si sono svolte. A regolare il traffico, anche per i tanti curiosi che hanno assistito alla simulazione di maxi emergenza, i vigili del fuoco.

%CODE%

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
142 queries in 1,272 seconds.