SPAL: Di Biagio vuole andare a Lecce per fare la partita

Il nuovo tecnico certo della reazione e l’inizio della risalita, 360 tifosi in Salento

Parte il ciclo della Spal targata “Di Biagio”. Debutto nel confronto diretto sul campo di quella che oggi risulta essere la principale avversaria dei biancoazzurri nella corsa verso una salvezza che se venisse centrata avrebbe realmente del miracoloso. Proprio sulla squadra di Liverani, che occupa il quart’ultimo posto, la Spal deve recuperare sette punti e deve fare i conti anche con lo svantaggio nei confronti diretti diretti, visto che i Salentini, all’andata, si sono imposti 3 a 1 al Mazza. Ne va da se’ quindi che anche un pareggio al Via del Mare non potrebbe essere accolto con un sorriso, mentre una sconfitta suonerebbe come una sentenza, con dieci lunghezze da recuperare oltre il bonus negativo dei confronti diretti. “Dobbiamo  fare risultato, inutile girarci intorno – ha affermato Di Biagio alla vigilia della trasferta in Puglia -, abbiamo necessità di portare a casa punti. Giocheremo per vincere, se poi arriverà solamente un punto lo accetteremo. La classifica parla chiaro, dobbiamo accorciare velocemente, il distacco dalla zona salvezza”. Oltre alla difesa a quattro, quali variazioni apporterà rispetto al recente passato? “Cercheremo di attaccare con più uomini, occupando la metà campo avversaria con maggiore frequenza. Andremo a Lecce a fare noi la partita, senza avere timori. Ho optato per modificare immediatamente il reparto difensivo, e confermo che ci schiereremo a quattro, e saremo più corti e aggressivi. Per il resto ho ancora qualche dubbio, ma si tratta di dettagli. Il Lecce e’ probabilmente la formazione più in forma di tutto il campionato, e ci affronteranno galvanizzati degli ultimi risultati positivi. Noi ci faremo trovare pronti, anche perché in questa settimana ho visto una crescita quotidiana rilevante nell’autostima, da parte dei miei giocatori, con tanta voglia di rivalsa. Mi chiedete se io sento la pressione per l’esordio in una gara così delicata? Vi rispondo  che personalmente ho giocato con con la maglia della nazionale italiana contro avversari del calibro di Argentina e Inghilterra, e vi assicuro che sotto i profilo della pressione,  questo non è nulla rispetto a quando entri in campo per una partita decisiva a Wembley. Ho grandi stimoli – conclude Di Biagio – e sono assolutamente convinto di riuscire a centrare l’obiettivo per il quale sono stato chiamato”.
La sensazione è che Di Biagio si affidi al suo modulo base, il 4-3-3, schierando Berisha; Cionek, Bonifazi, Zukanovic, Reca; Murgia, Missiroli, Castro; Strefezza, Petagna, Di Francesco. Liverani, che non potrà contare su Farias, Meccariello e Babacar, dovrebbe rispondere con Vigorito; Donati, Lucioni, Rossettini, Calderoni; Deiola, Petriccione, Barak; Mancosu; Falco, Lapadula. Gara affidata Marco Guida della sezione di Torre Annunziata, VAR Valeri(Roma2)Bindoni(Venezia). Fischio di inizio alle ore 15.00, radiocronaca diretta su RadioInternational. Sono 360 i biglietti venduti nel settore riservato ai tifosi della Spal dello stadio di via del Mare, 8.452 per la gara con la Juve. 1.232 settore ospiti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
134 queries in 1,302 seconds.