SPAL: firmato atto di dissequestro dello stadio, si giocherà anche in Coppa

Necessari alcuni lavori, ma c’è tempo. Lunedì ripartirà la campagna  abbonamenti. Mattioli conferma gravità infortunio Fares.

La fumata bianca è arrivata: “Il Paolo Mazza torna ai “legittimi proprietari”, la Spal ed i suoi tifosi e ovviamente il Comune. La Procura della Repubblica di Ferrara ha infatti firmato l’atto di dissequestro dell’impianto di Corso Piave dove la squadra di Semplici potrà tornare a disputare le sue partite. Certamente la prima di campionato, quella del 25 agosto con l’Atalanta e anche la gara di Coppa, in programma una settimana prima, con la vincente del confronto Pordenone-Feralpisalò, si giocheranno a Ferrara, anche se dovranno essere effettuati alcuni lavori che saranno specificati entro il 15 ottobre, nella perizia definitiva che sarà consegnata entro quella data dal Professor Pellegrino. Si conclude positivamente, come era parso prevedibile fin dall’inizio, una vicenda che comunque ha tenuto con il fiato sospeso migliaia di ferraresi da lunedì 8 luglio, giorno in cui agenti della Guardia di Finanza di Ferrara si sono presentati allo stadio per apporre i sigilli, prima su Gradinata e Curva Est, poi sulla Ovest, per dar corso all’ordinanza predisposta dal Giudice della Procura Barbara Cavallo.

stadio sequestro ferrara mazzaPoi il succedersi delle perizie che hanno rilevato la sicurezza di tutte le strutture e indotto la P.M. a sottoscrivere l’atto di dissequestro. Lunedì sarà riaperta la campagna abbonamenti, che la società della famiglia Colombarini era stata costretta sospendere appena appresa l’impossibilità di usufruire dello stadio. Le modalità saranno rese note nelle prossime ore.
Archiviata questa parte si aprirà una lunga vicenda giudiziaria che prevedibilmente vedrà le parti lese, ad iniziare da Comune e Spal, richiedere il risarcimento dei danni subiti. Si dovrà inoltre individuare a chi spetterà l’onere di risarcire le spese sostenute per test e perizie il cui ammontare risulta essere di alcune centinaia di migliaia di euro, considerati i professionisti di altissimo livello e le sofisticate attrezzature impegnate per decine di giorni al fine di riscontrare quanto fossero o meno fondate le accuse contenute nella denuncia recapitata alla Procura della Repubblica, da chi aveva ritenuto esistere carenze nell’effettuazione dei lavori tali da mettere in dubbio la sicurezza delle strutture del Mazza.

Ipotesi rilevatasi alla fine infondata. Con una speranza, che si arrivi a far in modo che qualcuno risarcisca chi ha subito e danni e rispondere per tutte le spese affrontate ed anche per aver fatto rodere il fegato per tutta l’estate ai tifosi biancoazzurri. Nel corso della conferenza stampa che si è svolta allo stadio il Patron Francesco Colombarini e il Presidente Walter Mattioli hanno espresso una profonda amarezza per la vicenda, che ha provocato -hanno entrambi sottolineato- grandi danni di immagine e economici. Una vicenda, che è chiaramente emerso dalle parole di Proprietà e Dirigenza, ha lasciato il segno, specie sotto il profilo morale, “fino -ha specificato Walter Mattioli- a farci venire brutti pensieri”. “Ci consola -ha voluto sottolineare il Presidente- che in Lega e Federazione abbiano sempre ritenuto che il nostro stadio fosse in perfetta regola, come la vicinanza che abbiamo sempre sentito dai nostri tifosi”. A conferma di ciò il fatto che in autunno potrebbe tornare a Ferrara l’Under 21 nella gara con l’Islanda. Walter Mattioli ha fatto chiarezza anche sull’infortunio di Fares. “Stiamo attendendo gli esiti degli ultimi accertamenti -ha precisato il presidente della Spal-, ma purtroppo siamo pessimisti. Abbiamo già dato incarico a Davide Vagnati di sondare il mercato, sul quale siamo attivi per portare a Ferrara anche due difensori”.

In merito al dissequestro dello stadio è arrivata anche la nota del Comune di Ferrara
In riferimento alla notizia di dissequestro dello stadio “Paolo Mazza” il sindaco di Ferrara Alan Fabbri ha espresso “soddisfazione per la positiva svolta dell’attività di indagine che ha consentito l’immediata restituzione della struttura. Lo stadio è sicuro e gli interventi ritenuti necessari dai tecnici verranno eseguiti seguendo le prescrizioni che verranno comunicate nella relazione definitiva del CTU.

“Prendo atto con soddisfazione – ha affermato l’assessore Andrea Maggi, presente alla conferenza stampa odierna organizzata dalla società Spal – del dissequestro dello stadio che pone fine a una vicenda difficile e dolorosa durata quaranta giorni. Abbiamo già chiesto la convocazione della Commissione provinciale di sicurezza al fine di poter consentire già da domenica 18 agosto lo svolgimento il primo incontro stagionale di Coppa Italia allo stadio Paolo Mazza. Ora aspettiamo di leggere la relazione definitiva del CTU sulla base della quale verrà redatto un progetto e verranno eseguiti gli interventi necessari. Occorre guardare al futuro con ottimismo: lunedì la società riprenderà le vendite degli abbonamenti e noi come amministratori siamo e saremo insieme a tutti i ferraresi, come sempre, vicini alla squadra, alla dirigenza e alla famiglia Colombarini, in attesa di poter tifare alle prossime partite.

Intervista Andrea Maggi(Assessore allo Sport Comune Ferrara)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
143 queries in 1,117 seconds.