SPAL: il primo passo deve essere l’allenatore

E, in tempi brevi, anche scegliere i giocatori che dovranno far parte della spina dorsale della squadra base

Come sempre avviene in situazioni analoghe a quelle in cui oggi si ritrova la Spal la prima operazione da chiudere è quella relativa alla scelta dell’allenatore. Dal suo curriculum si dovrebbero anche individuare gli obiettivi di una società che comunque ha già fatto capire di essere al lavoro per tentare di allestire una squadra in grado di inserirsi, se non nel gruppo delle favoritissime, almeno in quello che ambisce a rivestire un ruolo da protagonista. Diciamo noi, di lottare per un posto in zona play-off. Partendo da questi presupposti, candidature come quelle di Beppe Iachini, che è legato alla Fiorentina anche per la prossima stagione o Roberto Venturato, che non pare intenzionato a lasciare l’isola felice di Cittadella, sembrano perdere quota. Più plausibile quella di Pasquale Marino, impegnato nel campionato di serie B, a Empoli, dove sta rincorrendo un posto in zona play-off. Discorso simile per Attilio Tesser, oggi sulla panchina del Pordenone, che la sicurezza di accedere agli spareggi promozione se l’è ormai assicurata. Dando uno sguardo ai giovani, potrebbe rientrare tra i papabili Alessio Dionisi, ex Imolese, attualmente alla guida del Venezia, che ancora si è garantito la salvezza. Obiettivo molto interessante, difficile da raggiungere, ma non del tutto da escludere, Luca Gotti, il tecnico dell’Udinese, destinato, anche per sua scelta, a lasciare il Friuli e che, qualora decida, dopo tanti anni come secondo, di proseguire la carriera come capo allenatore, senza eccessive pressioni, potrebbe anche guardare di buon occhio la piazza di Ferrara. Sarebbe opportuno trovare al più presto il successore di Di Biagio, per consentire a Zamuner e soci di chiudere almeno alcune delle operazioni più importanti per comporre l’organico, partendo dagli elementi che dovranno far parte della spina dorsale della formazione base.

Tags:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
150 queries in 1,689 seconds.