SPAL – VIS PESARO: 2-0(45’pt Esposito, 25’st Floccari)

Secondo test e seconda vittoria, esordio di Sernicola. Sala e Brignola in campo dopo l’intervallo

Foto: Spal-Gandolfi

Esordio per Sernicola e tra i pali si rivede Berisha.
Priva di Bonifazi, Paloschi, Mazzocco, Viviani e Salamon, secondo test per la Spal. Dopo il Pontedera il Centro G.B. Fabbri ha ospitato l’amichevole con la Vis Pesaro, guidata da Galderisi, altra formazione militante in serie C.
Marino schiera la sua squadra con un 3-4-2-1.
All’ultimo minuto di un primo tempo privo di particolari emozioni, la Spal sblocca il risultato con un magistrale destro dal limite di Esposito che su punizione scavalca la barriera e non lascia scampo a Puggioni.
Ad inizio ripresa debutto anche per Sala e Brignola. Primi 20′ del secondo tempo con portieri inoperosi. Al 25′ la Spal raddoppia. Cross di Strefezza, girata da centro area di Jnokvovic, palla sul palo e Floccari lesto a scaraventarla in rete da due passi.
marcatori: 45’p.t. Esposito, 25’s.t. Floccari
SPAL: Berisha(1’st Thiam); Tomovic(33’st Spaltro), Vicari, Sernicola; Dickmann(1’st Strefezza), Missiroli(7’pt Esposito), Valoti(26’st Murgia), D’Alessandro(1’st Sala; Castro(1’st Brignola), Di Francesco(20’st Jankovic); Floccari.
15 Zanchetta, 7 Kryeziu, 18 Horvat, 20 Cuellar, 22 Tunjov. All. Marino

Moderata la soddisfazione di Marino: “Abbiamo lavorato tanto, 35 allenamenti. I nostri avversari erano più pimpanti di noi, avendo iniziato gli allenamenti molto prima di noi. Stiamo cercando di assimilare il lavoro di questo periodo, con vari moduli, in questa occasione abbiamo provato il modulo 3-4-2-1”. -Sul mercato- “Tutto dipende dalle uscite. Non siamo gli unici a dover fare i conti con questa situazione. Per tutti le trattative vanno a rilento, ma si sa che spesso il tutto si sblocca negli ultimi giorni. Mi piacerebbe restasse Berisha, ma come altri suoi compagni sta sperando di trovare una squadra di categoria superiore. Io gufo un pò…”. -Sui calendari, in particolare l’esordio a Monza: “Affrontiamo una squadra che, oltre ai movimenti di mercato, ha il vantaggio di aver iniziato a lavorare venti giorni prima di noi. Vedremo di prepararci per farci trovare pronti. Di norma si arriva al topo dopo sei-sette partite, con la situazione affrontata quest’anno ci auguriamo di anticipare questi tempi”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
149 queries in 2,212 seconds.