Tavolazzi su Mov. 5 stelle: “Nuove regole calate dall’alto”

“Le regole per le candidature del M5S alle politiche 2013 sono state calate dall’alto, decise dallo staff con un comunicato politico sul blog, in assenza di confronto con gli iscritti e di votazioni”.

Torna a puntare il dito sulla democrazia interna al Movimento il consigliere comunale ferrarese Valentino Tavolazzi, il primo espulso via blog da Beppe Grillo ma rimasto col cuore a 5 Stelle.

Le nuove ‘primarie’ per scegliere i candidati al Parlamento fra i non eletti in comuni o regioni sono “un’operazione verticistica, che viola l’art.4 del Non Statuto, dice Tavolazzi, che ha escluso i tanti gruppi M5S sul territorio, gli attivisti non candidati e che pare non prevedere possibilità di condivisione e discussione. Non esistono, inoltre, garanzie di controllo e trasparenza sulle operazioni di voto e sui risultati elettorali, gestite dalla Casaleggio ed Associati, che non di rado ha censurato post o commenti nel blog e nel portale”.

Così, “in Parlamento andranno i nominati cinque stelle” magari non più attivi, bloccando “la candidatura a cittadini M5S, che pur dedicando tempo e impegno al progetto, per ragioni varie non hanno potuto o voluto candidarsi” e così, inoltre, “molti territori non potranno presentare liste M5S”. Il riferimento, esplicito, ai due consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna bacchettati più volte dal blog – Andrea Defranceschi e Giovanni Favia (‘sfiduciato’ ma non espulso da Grillo) – e al nuovo bersaglio bolognese del fondatore del M5S, la consigliera comunale Federica Salsi colpevole di essere andata a un talk show. Intanto lunedì partirà il tour dei due consiglieri regionali De franceschi e Favia, a Ferrara arriveranno il 14 novembre, per sottoporsi al “controllo degli elettori”. Un appuntamento periodico ma che assume un significato diverso alla luce dello scontro nelle scorse settimane tra Favia e Beppe Grillo. Fu proprio Favia, allora, a spiegare che non si sarebbe dimesso, ma avrebbe accettato il giudizio degli elettori nelle verifiche periodiche previste dal Movimento.

Oggi interviene anche il Movimento sei stelle di Cento in Movimento:

Ci convinciamo sempre più che i veri Attivisti del MoVimento 5 Stelle siano cosa ben diversa da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, Casaleggio Associati srl e Staff Grillo. Chi sta distruggendo il MoVimento e violato il non-statuto, sono proprio loro. Il MoVimento 5 Stelle di questo passo, prima o poi imploderà da solo. Con questi presupposti il MoVimento non deve più candidarsi alle Politiche 2013, ancor meno alle Regionali, ma deve ritrovare le sue origini proponendosi come vera ed unica alternativa politica all’interno delle amministrazioni comunali.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=c90badd4-4345-43d9-bde5-710186ec5cb5&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
140 queries in 1,833 seconds.