Vigarano Mainarda, commemorazione 14esimo anniversario strage Nassiriya – VIDEO

Dodici carabinieri, cinque militari e due civili.

Furono diciannove gli italiani che persero la vita a Nassirya, il 12 novembre 2003, in una delle stragi più tristemente memorabili della storia contemporanea italiana e non solo; prendevano parte alla missione Antica Babilonia che aveva come unico scopo quello di contribuire alla rinascita dell’Iraq, favorendo la sicurezza del popolo iracheno e lo sviluppo della nazione.

 

 

Per non dimenticare quella strage anche quest’anno a Vigarano Mainarda si è tenuta la commemorazione dell’anniversario. Quattordici anni fa, gli alunni delle scuole elementari chiesero ed ottennero dall’amministrazione comunale che venisse costruito un cippo all’interno del parco delle Rimembranze dove ogni anno si potesse commemorare l’anniversario della strage per ricordare le vittime di Nassirya

vigarano per nassiryaDomenica mattina, un corte formato da cittadini, associazioni d’arma, Bersaglieri e Carabinieri in congedo, dei volontari della Protezione Civile guidato dal sindaco Barbara Paron e dal Generale di Divisione Aerea, Antonio Conserva comandante del COA di Poggio Renatico, si è recato in chiesa per la messa celebrata da don Bonaccio in ricordo delle vittime. Al termine il corteo è ripartito per recarsi al parco delle Rimembranze dove è collocata la lapide che ricorda le vittime di Nassirya. “Un ricordo ed un pensiero che deve essere tramandato ai posteri e, ogni anno, deve essere una segnale per ricordarlo anche alle nuove generazioni” ha spiegato il sindaco Barbara Paron.

“E’ importante ricordare la memoria dei caduti mentre erano impegnati in una missione di pace” ha sottolineato il Generale di Divisone Aerea. Antonio Conserva. Intorno al cippo che ricorda le vittime i labari delle associazioni, il Gonfalone del comune. Poi il suono degli inni e del silenzio fuori ordinanza, ad opera del trombettista Bersagliere, Stefano Caleffi e la deposizione di una corona d’alloro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
132 queries in 1,332 seconds.